Covid, India: parte la campagna vaccinale più grande al mondo

Parte in India la più grande campagna vaccinale contro il Covid. Si inizierà con 300mila dosi per i personale medico, in 3.006 centri.

Covid India
Partita in India la campagna di vaccinazione (Getty Images)

Giornate storiche in India, con il paese che ha iniziato la più grande campagna vaccinale al mondo. Infatti a far partire l’immunizzazione ci hanno pensato le 300mila dosi destinate al personale medico e smistate in 3.006 centri. A definirla la più grande campagna vaccinale nel globo ci ha pensato il primo ministro, Narendra Modi. Un giorno aspettato con ansia da tutto il paese, con bambini, giovani e anziani che si sono domandati quando sarebbe arrivato il siero.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Virus, nel mondo preoccupano le varianti: oltre 2 milioni di vittime

Adesso però è ufficialmente iniziata l’immunizzazione, con la prima dose somministrata alle ore 6:45 italiane a un infermiere di un ospedale pubblico di Nuova Delhi. Nella prima fase della campagna verranno immunizzati ben 10 milioni di operatori sanitari e 20 milioni di lavoratori in prima linea nella lotta alla pandemia. A seguire poi ci sarà la somministrazione del farmaco 270 milioni di ultracinquantenni e pazienti con gravi malattie.

Covid, in India parte la vaccinazione: 300 milioni di dosi entro luglio

Covid India
Il paese deve vaccinare oltre un miliardo di persone (Getty Images)

Il paese indiano ha così deciso di vaccinare prima questo gruppo di ben 300 milioni di persone. Un dato confortante rispetto all’oltre miliardo di abitanti presenti nel paese. I sieri inoculati nel sub-continente saranno due: il primo è quello di AstraZeneca (fabbricato in India dall’istituto Serum), il secondo è Covaxin (sviluppato dal laboratorio indiano Bharat Biotech).

POTREBBE INTERESSARTI >>> Zona Rossa, torna l’autocertificazione: quando serve

Proprio quest ultimo vaccino è in fase di sperimentazione ed ancora non sono chiari i dati dell’efficacia. Nonostante ciò, il Governo ha deciso di approvare il farmaco a causa della situazione d’emergenza. Fortuntamente nell’ultimo periodo l’India ha fatto registrare un brusco calo dei contagi, facendoli scendere sotto ai 20mila giornalieri.

Infatti nel periodo più caldo della pandemia (settembre), i casi giornalieri hanno superato anche le 100mila unità. Ad oggi il paese ha superato i 10,5 milioni di contagi ed i 150mila decessi. Con questi dati, il paese si attesta come il secondo più colpito dalla pandemia dopo gli Usa.