Silvio Berlusconi ricoverato d’urgenza a Monaco: problema cardiaco

Ricoverato d’urgenza Silvio Berlusconi. Imposto il ricovero al Cavaliere a Monaco per dei gravi problemi di natura cardiaca.

Silvio Berlusconi Ricoverato
Nuovo ricovero per il leader di Forza Italia (Getty Images)

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, è stato ricoverato a Monaco. Infatti a causa di problemi di natura cardiaca il Cavaliere è stato trasferito da Valbonne, vicino Nizza, fino all’Ospedale del Principato. Il medico di base del Cavaliere, Alberto Zangrillo, ha scelto di non voler portare  Berlusconi in Italia per una ragione di prudenza.

Adesso Silvio Berlusconi è al Centro cardiotoracico di Monaco, ossia l’ospedale specializzato del Principato. Al momento del malore, infatti, Berlusconi si trovava a Valbonne, località vicino Nizza, dove ha trascorso gran parte del lockdown. Subito dopo il problema cardiaco, i medici hanno trasportato il Cavaliere all’Ospedale più vicino, evitando il viaggio verso l’Italia. Andiamo quindi a vedere le parole di Alberto Zangrillo, che assiste da sempre il leader di Forza Italia.

Silvio Berlusconi ricoverato: Zangrillo: “Non prudente trasportare il Cavaliere in Italia”

Silvio Berlusconi ricoverato
Le parole del medico di base del Cavaliere (Getty Images)

Ad intervenire sul ricovero di Berlusconi ci ha pensato per primo Alberto Zangrillo. Infatti il medico di fiducia lo ha assistito anche durante la sua positività al Covid. Alla stampa Zangrillo ha cercato di essere chiaro, affermando: “Il ricovero arriva dopo il peggioramento di un problema cardiaco aritmologico“.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, Speranza avverte: “Anticipare restrizioni per evitare l’ondata”

Infine alla stampa, Zangrillo ha raccontato: “Lunedì sono andato d’urgenza dove risiede temporaneamente il presidente, nel Sud della Francia, per un aggravamento“. Il medico di base ha poi concluso ricordando che non c’è stato alcun trasporto in Italia, per via cautelare. Nelle prossime ore seguiranno degli aggiornamenti, con il Cavaliere che dopo il Covid si deve trovare ad affrontare anche questo nuovo problema cardiaco.