Terremoto in provincia di Enna: dati e magnitudo

Terremoto in Sicilia registrato in provincia di Enna. I dati e la magnitudo della scossa avvenuta a Sperlinga.

terremoto Enna
Terremoto in Sicilia: epicentro in provincia di Enna

Un terremoto di magnitudo ML 3.2 è avvenuto in Sicilia: epicentro a 4 km nord ovest di Sperlinga, in provincia di Enna, oggi 12 gennaio alle 17:38:35 (ora italiana). Le coordinate geografiche: latitudine 37.8, longitudine 14.33 ad una profondità di 8 km.

LEGGI ANCHE –> Terremoto oggi al confine tra Grecia e Albania: magnitudo 4.3

Terremoto in Sicilia, epicentro a Enna

Terremoto enna
Sismografo (Getty Images)

Comuni entro 20 km dall’epicentro (le distanze sono calcolate in base alle coordinate geografiche ISTAT del Municipio):

Comune – Provincia – Distanza (km)
Sperlinga – EN – 4
Nicosia – EN – 8
Castel di Lucio – ME – 10
Gangi – PA – 11
Capizzi – ME – 15
Mistretta – ME – 15
Cerami – EN – 16
Geraci Siculo – PA – 17
San mauro Castelverde – PA – 18
Leonforte – EN – 19
Pettineo – ME – 19
Nissoria – EN – 19
Petralia Soprana – PA – 19
Reitano – ME – 20

LEGGI ANCHE –> Terremoto, falsi miti e verità: la Protezione Civile fa chiarezza

Città più vicine con almeno 50.000 abitanti in cui il terremoto è stato localizzato:
41 Km a NE di Caltanissetta (63360 abitanti)
75 Km a W di Catania (314555 abitanti)
77 Km a W di Acireale (52622 abitanti)
78 Km a E di Bagheria (55387 abitanti)
82 Km a N di Gela (75827 abitanti)
85 Km a NE di Agrigento (59770 abitanti)
92 Km a E di Palermo (674435 abitanti)
96 Km a N di Vittoria (63339 abitanti)

Scossa in Calabria nel pomeriggio

Un terremoto di magnitudo ML 2.7 è avvenuto nella zona: Costa Calabra sud occidentale (Catanzaro, Vibo Valentia, Reggio di Calabria), nello stesso pomeriggio di oggi alle 16:18:06. Epicentro con coordinate geografiche (lat, lon) 38.79, 15.69 ad una profondità di 161 km.


La Protezione Civile oggi ha ricordato il terremoto avvenuto ad Haiti il 12 gennaio del 2010. Undici anni fa un violento sisma colpì l’isola caraibica causando vittime e distruzione. Il sistema di Protezione Civile italiano si mobilitò sin dalle prime ore a favore della popolazione colpita, portando sull’isola aiuti e assistenza.