Juventus-Napoli, l’accusa di Gravina: “Serve un chiarimento”

Continua a far discutere la partita tra Juventus e Napoli. Infatti il presidente Gravina ha chiesto chiarimenti al Collegio di Garanzia del Coni.

Juventus Napoli
Le parole del presidente Gravina (Getty Images)

Lo scorso 22 dicembre il Collegio di Garanzia del Coni ha ribaltato la sentenza sul 3-0 a tavolino della Juventus sul Napoli, revocando anche il punto di penalizzazione agli azzurri. Un caso che suscitato l’indignazione di diversi club, ma soprattutto del presidente della Federcalcio Gabriele Gravina. Infatti proprio il numero uno della Federcalcio è intervenuto a gamba tesa sulla decisione della Collegio di Garanzia del Coni sulla partita del 4 ottobre non giocata.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Supercoppa Juventus-Napoli, decisione definitiva su Osimhen

Il Giudice sportivo, infatti, ha deciso di annullare il 3-0 a tavolino contro il Napoli, rimettendo così 3 punti sul piatto ai partenopei, per una gara di cui ancora non si ha una data. Infatti il calendario è fittissimo e ad oggi non c’è ancora disponibilità per rigiocare il match. Andiamo quindi a vedere le parole di Gravina, che interviene con toni bruschi sulla decisione di revocare la sconfitta al Napoli, rinconsegnandogli il punto di penalizzazione.

Juventus-Napoli, si rigioca: le parole del presidente Gravina

Juventus Napoli
Le parole del Presidente della Federcalcio (Getty Images)

Il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, decide così di alzare i toni. Le parole sono arrivate durante un’intervista al Corriere dello Sport, dove il presidente afferma: “Il Collegio di Garanzia ha un ruolo ben chiaro nella giustizia sportiva. È la nostra Cassazione. Ma la Cassazione è un giudice di legittimità. Non dovrebbe entrare nel merito e diventare un terzo grado di giudizio“.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Calciomercato Napoli, Milik trova squadra: sconto per il nuovo club

Proprio per questo motivo il presidente della Federcalcio ha affermato: “Urge un chiarimento legislativo, per circoscrivere la giurisdizione. Altrimenti saremo costretti a ricorrere al Tar e poi al Consiglio di Stato contro le sentenze del Coni“. Delle parole al veleno, visto che la decisione rischia di diventare un precedente che potrebbe mettere a rischio la fine del Campionato.

Infatti la decisione del Napoli, dettata dall’ordinanza dell’Asl Napoli 1, fu quella di non partire in seguito alla positività di Piotr Zielinski ed Eljif Elmas dopo il match contro il Genoa. Successivamente esplose il caso che ha portato sul piede di guerra delle due squadre. Napoli e Juventus si incontreranno nuovamente il 20 gennaio, quando le due compagini si sfideranno per il primo trofeo della stagione, la Supercoppa Italiana.