Auguri a Gattuso, oggi 43 anni: la carriera dalla Scozia alla Svizzera

Gattuso, oggi è il compleanno del tecnico del Napoli. Non solo Milan: ha giocato e allenato anche all’estero

Napoli gattuso
Gattuso (Getty Images)

Ha legato il suo nome al Milan. Con i rossoneri ha vinto due Champions League e due scudetti e nel 2006 era nella spedizione di Berlino che portò a casa la Coppa del Mondo quando aveva ventotto anni. Compie gli anni oggi Gennaro “ringhio” Gattuso come fu soprannominato per la sua grinta e il ringhiare in campo quando provava e impossessarsi del pallone ed ad affrontare gli avversari nei centrocampi di tutta Europa.

Dal dicembre 2019 è l’allenatore nel Napoli prendendo il posto di Carlo Ancelotti, il tecnico con il quale aveva alzato la coppa dalle grandi orecchie. Con la piazza azzurra ha avuto subito feeling e in vinto la Coppa Italia battendo la Juventus in finale sui rigori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Supercoppa Juventus-Napoli, decisione definitiva su Osimhen

Gattuso
Gattuso con la maglia dei Rangers in Scozia (Getty Images)

La carriera da allenatore di Ringhio Gattuso

Nato nel 1978 a Corigliano Calabro, cresce calcisticamente nel Perugia dove resta fino a 19 anni, esordendo sia in Serie B che in Serie A. Per un solo anno, nella stagione 1997-1998, giocò in Scozia con i Rengers. Proprio a Glasgow conosce sua moglie Monica, italo-scozzese. L’anno successivo veste la maglia della Salernitana per l’unica stagione in A dei granata. Il grosso della sua carriera l’ha fatta con il Milan militando per tredici stagioni dal 1999 al 2012.

Con i rossoneri oltre ai due scudetti e alle due Champions ha vinto due Coppe Italia, due Supercoppe Italiane, due Supercoppe Europee e una Coppa del Mondo per Club. Ha chiuso la carriera da calciatore giocando per un anno con il Sion in Svizzera dove si è anche seduto in panchina come allenatore appena smesso di giocare.

Breve intramezzo sulla panchina del Palermo poi in Grecia a Candia con il Creta. Ritorna in Italia e parte dalla Lega Pro, portando il Pisa in Serie B. La società è in crisi, ci sono delle inadempienze economiche e arriva la retrocessione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Napoli, Milik trova squadra: sconto per il nuovo club

Ritorna nella sua seconda casa, al Milan, prima come allenatore della Primavera poi in Prima squadra. Nel maggio 2019 termina la sua avventura dopo una rescissione consensuale con la società.