Vaccino Moderna, c’è il via libera dell’Ema: l’Aifa discute la distribuzione

L’Ema approva il vaccino di Moderna, è la seconda arma contro il Covid-19. L’Aifa, con una riunione, domani discuterà la commercializzazione.

vaccino moderna
Arriva l’approvazione dell’Agenzia Europea del Farmaco (Getty Images)

Altra notizia storica per la lotta contro il Covid-19, poco fa l’Agernzia Europea del farmaco ha approvato anche il vaccino di Moderna, che diventa così la seconda arma contro la pandemia. Infatti lo scorso 21 dicembre, l’Ema approvò il vaccino di Pfizer/Biontech, ufficialmente il primo mezzo per immunizzare contro il virus.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino Covid, Speranza porta ottime notizie: “Italia può accellerare”

Così stesso nella giornata di domani, la Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), con una riunione analizzarà il dossier di Moderna, per l’autorizzazione all’immissione in commercio e all’utilizzo nell’ambito del Servizio sanitario nazionale.

Adesso così si aspetta anche la richiesta di autorizzazione per il farmaco di AstraZeneca. Mentre invece ci sono grande aspettative per il vaccino di ReiThera, italiano e che ha superato alla grande la Fase 1. Andiamo quindi a vedere come è composto il nuovo vaccino disponibile sul mercato europeo.

Vaccino Moderna, c’è l’ok dell’Ema: successo per il farmaco del virologo Anthony Fauci

Vaccino Moderna
Pronto l’arrivo dell’immunizzante di Anthony Fauci (Getty Images)

Il vaccino di Moderna è sviluppato in collaborazione con il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) diretto dal famoso virologo Anthony Fauci, noto virologo ed oppositore delle misure prese da Trump per combattere la pandemia. Come per Pfizer, anche questo vaccino è a base di Rna, il metodo rivoluzionario, che ha permesso di arrivare all’immunizzante in tempi da record.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Cina contro Oms: il governo non vuole indagini sull’orgine del Covid

Il vaccino è innovativo perchè non contiene il virus inattivo, ma informazioni genetiche per costruire una proteina del coronavirus, nota come spike. Così, quando verrà iniettato nelle cellule, il vaccino permetterà al corpo di produrre queste proteine che provocano una risposta da parte del sistema immunitario. Lo sviluppo del vaccino ha visto coinvolti due distinti gruppi di ricerca: uno pubblico ed uno privato. I dati della sperimentazione sono stati subito incoraggianti, ed hanno portato ad un’efficacia del 95%.

La giornata di domani sarà importantissima per l’Italia, con la Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) si riunirà domani per esaminare il dossier del vaccino Moderna e per la commercializzazione nell’ambito del Servizio sanitario nazionale. Così il secondo farmaco contro il Covid è pronto a sbarcare sul mercato, diventando la seconda arma contro la pandemia.