Hong Kong, il magnate Jimmy Lai rischia l’ergastolo: il motivo

Continua il caos ad Hong Kong, con il magnate Jimmy Lai che ha ammesso le accuse. Adesso il miliardario rischia l’ergastolo.

Hong Kong
Il tycoon rischia anche l’ergastolo (Getty Images)

Non si arresta il caos ad Hong Kong, con il territorio autonomo che continua a chiedere l’indipendenza dalla Cina. Infatti prima del dilagare della pandemia, c’erano state proteste violenti da parte dei cittadini, pronti a tutto pur di scollarsi dal controllo della potenza cinese. Abbiamo visto mesi intensi, ricchi di scontri, violenze e arresti da parte della polizia.

Uno dei promotori dell’indipendenza del territorio è proprio Jimmy Lai, magnate e attivista del posto, che controlla la maggior parte dei media del paese. Lai si è schierato in prima linea per la battaglia e per questo motivo è stato preso in arresto lo scorso 3 dicembre, con le sue foto in manette che ben presto hanno fatto il giro del mondo. Adesso il miliardario rischia l’ergastolo, andiamo a scoprire per quale motivo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Usa, la Fda approva il vaccino Pfizer-BioNTech: pronte 3 milioni di dosi

Hong Kong, Jimmy Lai arrestato: accusa di “collusione con potene straniere”

Hong Jong
Tutte le accuse contro Jimmy Lai (Getty Images)

Jimmy Lai si è opposto al regime cinese e questa mattina in tribunale ha ammesso le accuse di “collusione con le potenze straniere”. Confermando tali accuse, Lai adesso rischia il collasso, un colpo potente per il magnate proprietario del giornale tabloid Apple Daily, noto per il suo impegno pro-democrazia e le critiche all’esecutivo di Carrie Lam. Inoltre il tycoon è un fermo oppositore della nuova legge sulla sicurezza nazionale imposta a fine giugno dalla Cina, che impedisce le manifestazioni ai giovani di Hong Kong.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Clima, accordo Ue sul taglio emissioni: -55% entro il 2030

Il magnate era già in carcere con le accuse di frode e di aver fatto appello ai paesi internazionali affinché sanzionino la Cina per la repressione delle proteste. Uno dei magistrati, però, ha specificato che per approvare la sanzione bisognerà prima analizzare oltre un migliaio di messaggi sui profili social di Lai, oltre ad interviste e dichiarazioni durante il suo viaggio all’estero. Un’udienza ricca di emozione per Lai, con i suoi supporter che hanno cercato di incoraggiarlo dopo le parole del giudice.