Regione Campania e fondi europei: riconoscimenti per la gestione virtuosa

Regione Campania, doppio riconoscimento negli ultimi giorni arrivato per la gestione virtuosa dei fondi europei (FESR).

Regione Campania
Napoli e il Vesuvio (Getty Images)

La Campania è tra le Regioni più virtuose per l’utilizzo dei fondi europei. La settimana scorsa il riconoscimento è arrivato da parte delle autorità di controllo per il FESR (Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale), l’altro ieri per l’FSE (Fondo Sociale Europeo) grazie al quale la Regione ha fornito assistenza e sostegno a oltre 350mila cittadini campani.

Parte dei fondi hanno infatti finanziato le misure inserite nel Piano Socio Economico attivato la scorsa primavera per dare una mano a famiglie, imprese, stagionali, pensionati e professionisti colpiti dalla crisi del COVID.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Regione Campania, il bollettino di oggi

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vincenzo De Luca (@vincenzodeluca)

Regione Campania, la gestione del Recovery Fund

Regione Campania
Regione Campania, De Luca (screenshot video)

Il presidente della Regione Vincenzo De Luca si è espresso nel pomeriggio anche sulla gestione delle risorse del Recovery Fund da parte del Governo. Il piano, come già affermato ieri nella conferenza stampa, è per il governatore “l’ennesimo furto di risorse ai danni del Sud.

De Luca, infatti, ha spiegato: “L’Europa ha assegnato le risorse all’Italia tenendo conto: della popolazione dei diversi territori, delle differenze di Prodotto Interno Lordo rispetto alla media europea e del tasso di disoccupazione. I Fondi europei sono infatti stati destinati al nostro Paese principalmente per recuperare il divario Nord-Sud. Invece il Governo, anziché destinare il 66% di risorse al Sud e il 34% al Nord, ha deciso di fare esattamente il contrario”.

LEGGI ANCHE –> La linea dura di De Luca: “Quest’anno Natale e Capodanno non esistono”

Infine, auspicando l’appoggio delle altre Regioni meridionali il presidente campano ha concluso: “Allora noi dobbiamo prepararci a una battaglia politica chiara e forte per impedire che questo ennesimo furto a danno delle regioni del Sud sia consumato nell’indifferenza generale”.