Conte: “Covid rischia di lasciare una frattura sociale profonda”

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte interviene in formato virtuale alla closing session della VI edizione di Rome Med Dialogues.

Conte

Il Premier Giuseppe Conte ha analizzato la situazione coronavirus in Italia e cosa rischia il Paese quando la pandemia sarà ormai passata. Il suo intervento è avvenuto in chiusura della sesta edizione dei Roma Med Dialogues, iniziativa annuale promossa dal Ministero degli Esteri e da Ispi (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale). Il Presidente del Consiglio ha aperto il proprio discorso con particolari ringraziamenti alla Farnesina per l’organizzazione di quello che ha definito “il più importante polo di dialogo sul Mediterraneo”.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Italia, il bollettino nazionale di oggi!

Conte: “La pandemia di coronavirus e gli effetti sul Mediterraneo”

Conte

“In molti hanno interpretato il Covid come un acceleratore dei mutamenti in atto nel sistema internazionale – ha esordito Conte – altri come un imprevisto fattore di fragilità che ha testato la resilienza delle nostre comunità. Ciascuna di queste interpretazioni condivisibili coglie un aspetto fondamentale del periodo che stiamo vivendo, ma desidero affiancare a queste un’ulteriore considerazione. Cioè, quanto il Covid abbia esasperato i dilemmi con i quali la politica si deve confrontare nella sua azione quotidiana di riflessione e programmazione. Una volta terminata la pandemia, il rischio è che essa ci lasci in eredità fratture sociali più profonde, un senso di sfiducia, che esigi uno slancio inedito tanto quanto è inedita la sfida che ci troviamo davanti”.

LEGGI ANCHE –> Campania e Toscana in zona arancione: cinque Regioni in zona gialla

ECCO IL VIDEO

L’Italia continuerà anche con il nuovo Dpcm natalizio con la suddivisione per colori, ciascun colore corrispondente ad una fascia di rischio. L’Abruzzo è l’unica Regione ancora in zona rossa, sottoposto ad un regime di lockdown light. Il territorio del presidente Marsilio non ha ancora terminato i quattordici giorni previsti di massime restrizioni, con ogni probabilità la prossima settimana sarà arancione.

LEGGI ANCHE –> Controlli nuovo Dpcm, ci saranno droni e posti di blocco