Vaccino Covid, svolta dall’Ue: approvato nuovo contratto con Moderna

Svolta per l’arrivo del vaccino Covid in Europa, con l’Ue che firma un nuovo contratto con Moderna. E’ l’ottavo accordo con la casa Usa.

Vaccino Covid Ue
L’Unione Europea firma un nuovo contratto con la casa farmaceutica Usa (Getty Images)

Il vaccino contro il Covid di Moderna sembrerebbe aver convinto anche l’Ue. Infatti nella giornata odierna la presidente di Commissione Europea, Ursula Von der Leyen, ha siglato un nuovo accordo con la casa farmaceutica. Infatti questo è il sesto controatto che l’Unione Europea firma con Moderna e adesso prevede ben 80 milioni di dosi da distribuire agli stati che fanno parte dell’Unione.

Inoltre nel nuovo contratto firmato con la casa farmaceutica statunitense c’è l’opzione per ulteriori 80 milioni di dosi. Il totale di dosi fornite da Moderna saranno quindi 160 milioni, che arriveranno nei paesi dell’Unione non appena l’Ema (Agenzia Europea del Farmaco) non dà l’ok per quanto riguarda la sicurezza del farmaco statunitense. Andiamo quindi a vedere i dettagli del contratto firmato da Ursula Von der Leyen.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, la curva si inverte: è la prima volta dal 20 settembre

Vaccino Covid, l’Ue ed il nuovo accordo con Moderna: si amplia il portafoglio di farmaci

Vaccino Covid Ue
Tutti i vaccini in ballo per l’Unione Europea(Getty Images)

Ma come abbiamo anticipato nei giorni scorsi, quello di Moderna non sarà l’unico vaccino a disposizione dell’Unione Europea. Infatti Ursula Von der Leyen in questi mesi ha firmato contratti con AstraZeneca, Sanofi-Gsk, Janssen Pharmaceutica (Johnson & Johnson), BioNTech-Pfizer e CureVac. Inoltre la stessa presidente di commissione ha affermato che in questi giorni è in via di chiusura anche il contratto con Novavax.

Tutti questi contratti fanno parte del piano per la vaccinazione dell’Europa. Infatti l’Unione Europea punta a garantire il vaccino per tutti i cittadini. Per far ciò, quindi, è indispensabile assicurarsi più farmaci di diverse case farmaceutiche. Così una volta dimostrata sicurezza ed efficacia, partirà l’immunizzazione di massa. Inoltre i paesi dell’Unione saranno liberi di scegliere se donare o meno il farmaco ai paesi a basso reddito o di distribuirlo in altri paesi europei.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Speranza: “Presento piano vaccino in Parlamento”: i dettagli

L.P.

Per altre notizie di Cronaca Estera, CLICCA QUI !