Coronavirus Campania, il bollettino Regione di oggi 24 novembre

Il bollettino coronavirus della Regione Campania di oggi 24 novembre. I numeri e i dati aggiornati su contagi positivi, morti e guariti.

Coronavirus Campania bollettino oggi
Bollettino Coronavirus Campania (Regione Campania)

La Campania resta zona rossa, ma l’andamento della curva dei contagi permetterà a partire da domani il ritorno in presenza a scuola per le classi dell’infanzia e della prima elementare. La decisione arriva dopo la campagna di screening gratuito e volontario per studenti e personale scolastico. La regione ha reso noto che sono stati effettuati 10.590 test antigenici nell’ambito dello screening volontario. I test risultati positivi e per i quali viene effettuato l’esame del tampone molecolare, sono 35 (per una percentuale dello 0,33%). La bassissima percentuale permetterà consentirà a partire da domani 25 novembre il ritorno a scuola. Ieri in Campania i nuovi positivi erano 2158 (227 sintomatici), ma a fronte di un numero di tamponi di gran lunga inferiore al solito (15.739).

LEGGI ANCHE –> Campania, due medici su tre rinuncia al bando per l’assunzione

Bollettino coronavirus Campania di oggi

bollettino coronavirus Campania
Ospedale Cardarelli (Getty Images)

Questo il bollettino di oggi: i positivi del giorno sono 1.764 a fronte di 13.744 tamponi. 1.437 contagiati sono asintomatici, 327 presentano sintomi. Si registrano 78 morti, deceduti tra il 20 e il 23 novembre (1387 in totale dall’inizio della pandemia). I guariti oggi sono 2344.

Totale positivi: 140.195 a fronte di 1.461.611 tamponi.
Totale guariti: 35.957

LEGGI ANCHE –> Covid a Natale: “Il cenone tradizionale sarà una strage”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Regione Campania (@regione.campania)

Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva: 656 disponibili, 201 disponibili.
Posti letto di degenza: 3160 disponibili (*), 2274 occupati.

* Posti letto Covid e Offerta privata

LEGGI ANCHE –> Rivolta in carcere: 9 custodie cautelari