Covid, Zangrillo rassicura: “Fase nuova negli ospedali, il virus si cura”

Sull’emergenza Covid-19, il primario Alberto Zangrillo è sicuro che si sta vedendo una fase nuova negli ospedali, con il virus curabile.

Covid Zangrillo
Il primario del San Raffaele offre ulteriori dettagli sul virus (Getty Images)

Continua a mutare la situazione Covid-19 in Italia, con l’Iss che annuncia un lieve miglioramento dell’indice Rt. Infatti con le nuove misure del Dpcm del 3 novembre, sta lentamente scendendo il tasso di contagiosità, ma non solo. Stando alle parole di Alberto Zangrillo, primario del San Raffaele di Milano, sarebbe cambiata anche la percezione del virus negli ospedali.

Durante la fine della prima ondata, il primario definì il virus come clinicament morto, dichiarazioni che crearono non poco imbarazzo. Stavolta però il primario sembra essere meno spericolato nelle dichiarazioni, limitandosi solamente a riportare la situazione ai pronto soccorso. Stando alle parole di Zangrillo, infatti, sono sempre meno gli arrivi al Pronto Soccorso e per questo motivo infermieri e medici possono lavorare meglio. Andiamo quindi a vedere cosa ha affermato il primario sulla situazione attuale della pandemia.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Scavi di Pompei, scoperta straordinaria: due uomini integri

Covid, Zangrillo: “Molti quadri clinici evolvono meglio”

Covid Zangrillo
Le dichiarazioni del primario del San Raffaele di Milano (Getty Images)

Durante la sua ultima intervista sulla situazione Covid-19, Alberto Zangrillo ha affermato che gli ospedali vivono una fase nuova, visto che i pronto soccorso adesso riescono a drenare i pazienti tra dimissioni e quelli che devono entrare nei reparti. In merito a questo miglioramento, il primario afferma che adesso questa è una malattia che si cura.

Lo stesso Zangrillo ha ricordato che le settimane scorse sono state critiche, visto che la congestione nei reparti ha costretto gli ospedali a riorganizzare la logistica per trovare un equilibrio tra reparti Covid e quelli per altre patologie. Per il primario adesso la situazione è migliorata, visto che anche in alcuni malati gravi, i quadri clinici evolvono meglio rispetto alla scorsa primavera.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Eav, stop ai treni dalle 20. De Gregorio: “Costretti a tagliare”

L.P.

Per altre notizie di Cronaca, CLICCA QUI !