Covid, l’allarme di Crisanti: “Virus marea fuori controllo”

Il docente di Microbiologia Andrea Crisanti ha lanciato l’allarme sulla situazione Covid. Per il docente è una marea fuori controllo.

Covid Crisanti
L’allarme del docente di microbiologia (Getty Images)

La situazione Covid-19 in Italia è costante, con la curva del contagio che si è stabilizzata su numeri alti. Nonostante l’indice Rt non stia crescendo, il docente di Microbiologia all’Università di Padova, Andrea Crisanti continua a lanciare l’allarme sulla situazione Covid. Infatti negli ultimi mesi, Crisanti è stato sempre critico con ogni misura presa e con l’andamento della pandemia, andando a lanciare più volte l’avvertimento al paese.

Ancora una volta il docente di Microbiologia va contro le dichiarazioni del Presidente del Consiglio Superiore della Sanità, Franco Locatelli. Infatti nella giornata di ieri, Locatelli ha annunciato i primi effetti positivi del nuovo Dpcm, con la curva del contagio che sta lentamente calando, come anche l’ingresso delle terapie intensive e dei ricoveri. Andiamo però a vedere le parole ultime parole di Crisanti, che afferma che oramai il virus è una marea fuori controllo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, per Locatelli il Dpcm fa effetto: “Curva contagio rallenta”

Covid, Crisanti avverte: “Bisogna fare il lockdown”

Covid Ricciardi
Per il docente bisogna fare un nuovo lockdown (Getty Images)

Andrea Crisanti, durante questa crisi sanitaria, non si è mai mostrato clemente rispetto ad ogni provvedimento preso. Oggi, il docente di microbiologia è tortnato all’attacco affermando che oramai la pandemia è una vera e propria marea fuori controllo. Infatti per Crisanti si dovrebbe approfittare delle feste di fine anno per chiudere tutto per due settimane.

Il docente ha chiesto di fare qualcosa, come prolungare gli orari di apertura per evitare gli assembramenti. Infatti per l’esperto il problema non è come regge il sistema, ma quanti morti l’Italia è disposta ad accettare. Nonostante le proposte, Crisanti ritiene comunque giusto un nuovo lockdown, per arrestare i contagi.

Infine il docente all’Università di Padova ha affermato che con questot asso di contagio è inutile guardare al numero di tamponi. Crisanti ha infatti concluso affermando che saremo fuori da questa crisi solamente tra il 21 ed il 22 del mese di dicembre.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coronavirus, De Magistris: “Napoli è una polveriera. Seduti sul vulcano”

L.P.

Per altre notizie di Cronaca, CLICCA QUI !