Coronavirus, il bollettino del 15 novembre: 33.979 contagiati e 546 morti

La Protezione Civile, come di consueto, ha riferito i dati sulla diffusione del Coronavirus in Italia: il bollettino del 15 novembre.

Coronavirus bollettino 15 novembre
Protezione Civile (via WebSource)

In Italia, in queste settimane, si prova a contenere l’epidemia di Coronavirus. Nella classifica dei casi mondiale, in queste ultime ore, il nostro Paese ha scalato alcune posizioni. In questo momento, quindi, si trova in decima posizione tra le nazioni con più contagi totali. Un triste record che è destinato a salire.

Dopo circa quindici giorni dalle prime chiusure, da quando l’Italia è stata divisa in tre zone, la curva sembra stabilizzarsi. Il Cts, infatti, invita alla cautela perché il numero di casi giornalieri resta altissimo, ma potrebbe presto iniziare l’inversione della curva.

La situazione negli ospedali, ovviamente, resta pesante. Medici ed infermieri sono ormai sotto pressione da almeno due settimane. Nella giornata di ieri, nel nostro Paese, si è registrato il superamento della soglia della metà delle terapie intensive occupate.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, De Magistris: “Napoli è una polveriera. Seduti sul vulcano”

Coronavirus, il bollettino del 15 novembre nel dettaglio

Coronavirus bollettino 15 novembre
Il bollettino diramato dalla Protezione Civile in merito alla diffusione del Coronavirus in Italia (Protezione Civile)

Coronavirus, bollettino di oggi:

33.979 contagiati
• 546 morti
• 9376 guariti

In tutto il Paese, nelle ultime 24 ore, le strutture ospedaliere hanno effettuato 195.275 tamponi. Un dato che resta in media con quello delle ultime settimane. Ciò che, invece, preoccupa è il tasso di positività: 17,4% (+1,0%). Come si può notare, infatti, è che rispetto agli ultimi giorni in cui la percentuale era in decrescita o, comunque, stabile, oggi si nota un incremento dell’1%.

Cresce, ovviamente, anche il numero di ospedalizzazioni. +116 per il dato riguardante le terapie intensive, +649 per ciò che concerne i ricoveri ordinari. Continua, quindi, la pressione sulle strutture ospedaliere e i medici e gli infermieri.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus Calabria, scuole chiuse fino al 28 novembre. Spirlì: “Decisione difficile”