Golpe in Cile 1973, documenti desecretati confermano l’interferenza Usa

Golpe in Cile 1973, la Nsa rende toglie il segreto ai documenti che confermano quanto si è sempre sospettato: gli Usa rovesciarono Allende

Golpe in Cile
Salvatore Allende (Getty Images)

Certamente la notizia non è che gli Stati Uniti rovesciarono il presidente del Cile Salvatore Allende democraticamente eletto e violentemente spodestato perché le sue politiche socialiste erano un problema per gli americani. Di questo si è sempre sospettato e soprattutto intuito conoscendo le dinamiche della Guerra Fredda.

La notizia è che si ha avuto la conferma di questa illegale interferenza. Come scrive oggi Repubblica in un articolo firmato da Daniele Mastrogiacomo, l‘agenzia di intelligence Nsa ha desecretato i documenti e messi a disposizione di tutti, cinquant’anni dopo l’elezione di Allende (5 novembre 1970). Gli Usa avevano sempre visto il Sudamerica come “il cortile di casa” e non potevano tollerare che Allende applicasse politiche economiche contrarie agli interessi capitalisti degli Usa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Referendum in Cile, svolta storica: via la Costituzione di Pinochet

Golpe in Cile, Nixon: “Rovesciate Allende”

I documenti raccontano il panico che assalì la Casa Bianca quando Allende vinse le elezioni. Henry Kissinger, il Segretario di Stato Usa, rappresentante dell’area più dura dell’anticomunismo mondiale, incontrò il presidente Nixon – uno dei meno amati degli americani – prima della riunione con il Consiglio di sicurezza.

Si decise prima per il logoramento economico del paese con conseguente grave crisi e delegittimazione di Allende da parte del popolo. Poi, riportano i documenti, Nixon chiese: “Se c’è un modo di rovesciare Allende, è meglio farlo”. Così fu con il generale Augusto Pinochet che l’11 settembre 1973 s’impossessò del paese fino al 1990 con l’appoggio a stelle e strisce.

Cittadini chiusi degli stadi, torturati, ammazzati, la sede del governo bombardata con Allende che morì imbracciando il fucile regalatogli da Castro. Una delle dittature più brutte del Novecento, circondata da ombre e paure, oggi ha una luce in più che consentirà di scrivere la storia con maggiore consapevolezza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, picco di decessi in Brasile: sono 926 nelle ultime 24 ore