Incendio degli studi Rai di Agorà, trasmissione sospesa

Incendio degli studi Rai di Agorà, niente messa in onda questa mattina. Le fiamme sono state spente ma il fumo ha invaso i locali

 

Alle 8 di questa mattina Agorà non è andato in onda. Il programma di Luisella Costamagna è stato bloccato da un incendio divampato nello studio 6 Saxa Rubra, a Roma. Le fiamme sono state subito spente ma il fumo ha invaso i locali rendendo impossibile l’inizio della trasmissione. Sarebbe andata a fuoco una centralina elettrica.

In momento su Raitre sta andando in onda il notizia di Rainews24 e in collegamento la stessa conduttrice Luisella Costamagna ha annunciato che la trasmissione riprenderà direttamente lunedì prossimo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Natale a rischio lockdown: la situazione

 

Incendio ad Agorà, non ci sono feriti

Inizialmente si stava cercando di andare in onda almeno con la seconda parte del programma, cercando un altro studio. La Costamagna ha però affermato che ciò non è stato possibile e che quindi salta definitivamente l’appuntamento di oggi di Agorà per riprendere lunedì 16.

Un guasto tecnico nella centralina ha provocato l’incendio fortunatamente già domato ha dichiarato all’Agenzia Giornalistica Italia Elsa Di Gati, la responsabile di Agorà e vicedirettrice di Rai 3, assicurando che non è successo nulla di grave e che nessuno si è fatto male.

Nell’appuntamento odierno l’attualità come sempre avrebbe avuto grande spazio con il tema dei contagi, le ultime ordinanze regionali e la situazione della Campania che in queste ore è osservata speciale. Gli ospiti dovevano essere Lucia Borgonzoni della Lega, Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, Fabio Melilli del PD e Riccardo Ricciardi del M5S.

Ci sarebbero stati anche l’ex conduttrice del Tg1 Tiziana Ferrario, Francesco Verderami, giornalista del Corriere della Sera e il professore Andrea Crisanti, direttore Microbiologia e Virologia dell’Università di Padova

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Di Maio: “Campania fuori controllo, servono più zone rosse”