Coronavirus, il bollettino dell’8 novembre: 32.616 contagiati e 331 morti

La Protezione Civile, come di consueto, ha riferito i dati sull’epidemia di Coronavirus in Italia: il bollettino dell’8 novembre.

Coronavirus bollettino 8 novembre
Protezione Civile, bollettino coronavirus del 8 novembre (via WebSource)

L’Italia, in queste settimane, prova a fronteggiare la seconda ondata di Coronavirus. In questo momento il Paese è diviso in tre zone: gialla, arancione e rossa. Il premier Conte ha spiegato che la scelta è stata fatta per non creare un lockdown generalizzato come quello del mese di marzo ed aprile.

Una Regione che si trova in zona gialla, però, può passare in arancione o rossa a seconda del quadro epidemiologico. L’Alto Adige, ad esempio, è passato in zona rossa in queste ore proprio per l’aumento di casi. La decisione, stando a quanto riferito dal premier Conte, è presa sulla base dello studio di 21 parametri diversi.

Non tutti, però, hanno acconsentito pienamente a questa scelta del Governo. Da Nord a Sud, infatti, i vari governatori hanno mostrato il proprio dissenso. Tra i più attivi, in questi ultimi giorni, c’è Vincenzo De Luca che continua a recriminare il mancato ascolto alle richieste fatte dalla Campania. Anche il presidente Zaia ha attaccato il Governo accusandolo di mancanza di dialogo con le Regioni in questo momento di emergenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il bollettino nazionale di oggi 7 novembre

Coronavirus, il bollettino dell’8 novembre nel dettaglio

Coronavirus bollettino 8 novembre
Il bollettino dell’8 novembre sulla diffusione del Coronavirus in Italia (Protezione Civile)

Il bollettino sulla diffusione del Covid dell’8 novembre:

• 32.616 contagiati
• 331 morti
• 6183 guariti

Nelle ultime 24 ore, le strutture ospedaliere di tutta Italia hanno effettuato 191.144 tamponi. Il dato relativo al tasso di positività fa registrare una impercettibile flessione: 17,1% (-0,1%).

Il numero di ricoveri ospedalieri, ovviamente, continua a crescere: +1331 nuovi posti occupati di degenza ordinaria. Nelle terapie intensive, invece, si registra un aumento di 115 pazienti.

LEGGI ANCHE >>> Covid, Zaia attacca il Governo: “Manca dialogo con le Regioni”