Torino, viola la quarantena e va a lavoro: denunciato dai Carabinieri

A Torino un operaio di 60 anni ha deciso di violare la quarantena per andare a lavoro. I Carabinieri lo fermano e denunciano il comportamento.

Torino Quarantena
Il caso nel torinese (Getty Images)

Scoppia il caso a Torino, dove un lavoratore di 60 anni, messo in quarantena, ha deciso di abbandonare il proprio domicilio per dirigersi a lavoro. L’uomo, così, si è diretto verso la sua fabbrica di Avigliana, incurante della sua positività al Covid.

Di ritorno alla fine del turno, i carabinieri lo hanno fermato sotto la sua abitazione di Caselle. A compiere l’operazione ci ha pensato una pattuglia, che ha deciso di controllare l’uomo. Così dopo le prime domande dei militrari, l’uomo ha consegnato la sua autocertificazione.

Dopo aver controllato sui tabulati, i Carabinieri hanno notato che il 60enne faceva parte della lista di persone in quarantena a causa della positività. Una volta fatta la scoperta, i Carabinieri hanno denunciato l’uomo, avviando tutte le procedure per tracciare tutti i contatti avuti nel corso della giornata.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Dg del Cotugno, appello disperato: “Fate lockdown personale, aiutateci”

Torino, uomo viola la quarantena e viene denunciato: l’operazione dei Carabinieri

Torino quarantena
Lavoratore di 60 anni fermato dai carabinieri di Torino (Getty Images)

Una volta fermato l’uomo, i carabinieri hanno deciso di denunciarlo a causa della violazione della quarantena. Adesso, con molte probabilità il 60enne sarà sottoposto a sanzione amministrativa, oltre che alla denuncia. Ma questa non è l’unica operazione del genere avvenuta in provincia di Torino.

Infatti a Locana, in Valle Orco, sempre una pattuglia dei carabinieiri ha identificato un professionista di 58 anni. L’uomo, positivo, ha violato anche lui la quarantena e fermato dalla polizia era in macchina con la famiglia, viaggiando senza nessuna protezione sul viso. Al 58enne è toccata la stessa sorte dell’operaio di 60 anni, con l’Asl di Torino 4 tracciare tutti i contatti che ha avuto l’uomo nelle ore precedenti al fermo.

Comportamenti irresponsabili in una regione come il Piemonte sottoposta a Zona Rossa. Infatti il nuovo Dpcm ha imposto più restrizioni alla regione piemontese, dopo i dati preoccupanti registrati anche nella giornata di ieri. Infatti ci sono stati ben 4.878 nuovi contagi in 24 ore, che si vanno ad aggiungere ai quasi 90mila contagi dall’inizio della pandemia.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Mutazione Covid dei visoni, c’è anche la segnalazione dell’Italia