Coronavirus Campania, il bollettino Regione di oggi 7 novembre

Il bollettino coronavirus della Regione Campania di oggi 7 novembre. I numeri aggiornati sui contagi ed il report dei posti terapia intensiva.

Coronavirus Campania bollettino oggi

Questo il bollettino di oggi: i positivi del giorno sono 4309. I nuovi casi che presentano sintomi sono 299, 4010 sono invece asintomatici. I tamponi di oggi sono 22.696.

I morti sono 15, il conto dei deceduti totali arriva a 811. Il bollettino odierno registra 984 guariti, il totale è di 16.001 sul territorio dall’inizio dell’epidemia.

Totale positivi: 82.318
Totale tamponi: 1.097.897

LEGGI ANCHE –> Napoli, folla sul lungomare: ristoranti pieni e traffico intenso

Coronavirus Campania, il bollettino di oggi 7 novembre

Coronavirus Campania
Lungomare Napoli (screenshot video)

Report posti letto su base regionale: i posti letto di terapia intensiva disponibili sono 590. I posti letto di terapia intensiva occupati sono 179.

Posti letto di degenza disponibili: 3.160
Posti letto di degenza occupati: 1.756

LEGGI ANCHE –> PIL, al Sud si torna al 1989: ogni italiano perderà 2.500 euro

De Luca chiede i congedi parentali al Governo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

COVID-19, INACCETTABILE POSIZIONE DEL GOVERNO SU CONGEDI PARENTALI 🔴#CORONAVIRUS: ancora una volta, anche nell’incontro di questa mattina tra Regioni e Governo, ho posto in maniera stringente il tema dei congedi parentali a favore delle mamme impegnate nella cura dei bambini per la chiusura della didattica in presenza. Nei giorni scorsi avevamo predisposto e inviato al Governo un testo normativo per garantire congedi parentali con il massimo della tutela economica per le lavoratrici dipendenti e bonus baby-sitter per le lavoratrici autonome. Ancora questa mattina, abbiamo riproposto con forza questa necessità. Incredibilmente i rappresentanti del Governo hanno ribadito di voler prevedere il congedo parentale solo per le cosiddette “zone rosse”. Ci sembra una posizione francamente inaccettabile, iniqua, priva di ogni ragionevolezza e perfino offensiva nei confronti di tante mamme costrette per ragioni sanitarie a tenere in casa i bambini. Ma si può costringere una mamma a portare i bambini a scuola in condizioni di mancata sicurezza sanitaria, per mancanza di tutela economica? Faccio appello a tutte le forze politiche perché a livello parlamentare sia corretta rapidamente questa impostazione completamente sbagliata.

Un post condiviso da Vincenzo De Luca (@vincenzodeluca) in data: