Coronavirus, il visone porta una mutazione genetica: in Danimarca i primi casi. Oms in allerta

Il Coronavirus appare mutato nel passaggio dall’uomo al visone. L’Oms preoccupata per le possibili complicazioni del caso.

Coronavirus visone
Visone (Getty Images)

In Danimarca è caccia al visone. Il primo ministro, Mette Frederiksen, ha riferito che dal passaggio dall’animale all’uomo il Coronavirus appare mutato. Questo rappresenta un “rischio per l’efficacia” del vaccino che il mondo sta provando a sviluppare per fermare l’epidemia di Covid-19.

Alla fine del mese scorso, infatti, il governo danese ha fatto sapere che verranno abbattuti dai 15 ai 17 milioni di esemplari di visone per ridurre al minimo il pericolo di contagio. La Bbc online ricorda che questo Paese è il più grande produttore mondiale di pellicce dell’animale in questione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Campania, bollettino 5 novembre: 3888 contagi e 17 morti

Coronavirus, l’avvertimento dell’Oms su una mutazione dovuta al visone

Coronavirus visone
Caccia al visone (Getty Images)

I positivi si stanno diffondendo rapidamente in Danimarca e tra questi sarebbero stati trovati almeno cinque casi al nuovo ceppo virale. Dodici persone hanno contratto il virus mutato, stando a quanto riferiscono le autorità.

“Siamo a conoscenza di segnalazioni dalla Danimarca di un certo numero di persone infettate da coronavirus dai visoni, con alcune modifiche genetiche nel virus. Siamo in contatto con le autorità danesi per saperne di più”, lo rende noto l’Oms attraverso il proprio profilo Twitter ufficiale.

LEGGI ANCHE >>> Terremoto Benevento, scossa di magnitudo 3.1 a Ceppaloni: la situazione