Campania, Unità di Crisi: “Negli ospedali scene drammatiche”

Scene drammatiche negli ospedali: questo è quanto emerge dall’ultima riunione dell’Unità di Crisi della Campania

posti ospedali

Secondo quanto fa sapere Il Mattino, sono scene drammatiche quelle che si stanno verificando all’interno degli ospedali campani a causa del Covid-19. Questo è quanto emerso a seguito dell’ultima riunione all’Unità di Crisi della regione. Il livello di contagi attuali, con il record di 2590 nuovi positivi di ieri, rischia di saturare gli ultimi posti disponibili per le rianimazioni e le terapie intensive negli ospedali. La media, attualmente, è di 30-40 ricoveri giornalieri e di quasi 10 terapie intensive.

LEGGI ANCHE—> Nuovo Dpcm, ristoranti e bar chiusi alle 18: enterà in vigore da lunedì

Campania, De Luca: “Il Dpcm del governo è insufficiente”

Campania

Vincenzo De Luca, governatore della Campania, ha parlato ai microfoni di Rai 3 nel corso della trasmissione Che tempo che fa di Fabio Fazio. “Il nuovo Dpcm del governo non basterà, è insufficiente. Il livello di contagio ad oggi è triplo rispetto ai mesi di febbraio e marzo. Ad oggi gli elementi in più sono quelli dell’apertura delle scuole e la stagione influenzale. Il livello di asintomatici è alto, ma la pressione sugli ospedali è destinata a crescere con l’aumento del contagio. Fare lo screening sarà difficile, ogni cittadini italiano dovrà essere il medico di se stesso”. 

Poi continua: “Le scelte erano due: chiudere tutto per un mese o scegliere misure intermedie. Il governo ha scelto la seconda opzione, ma le criticità sono diverse. In merito alla scuola, invece, si continua a balbettare. Il mondo della scuola, piaccia o meno, è uno dei vettori di contagio nelle famiglie.

La situazione ospedaliera in Campania. Abbiamo aumentato le terapie intensive da 300 a 600 ed anche i posti letto. È evidente che nessun sistema sanitario può reggere con 2000 contagi al giorno“.

LEGGI ANCHE—> Meteo, arriva una nuova perturbazione: piogge su gran parte del paese