Italo verso lo stop, Montezemolo: “Dal Governo non sono arrivati i fondi promessi”

Luca Cordero di Montezemolo, ai microfoni de Il Corriere della Sera, ha rivelato che Italo sarà costretto a fermarsi senza i fondi promessi.

Italo
Italo (Getty Images)

Luca Cordero di Montezemolo, noto imprenditore italiano, ha rilasciato un’intervista ai microfoni de Il Corriere della Sera. Ha lamentato i ritardi dei fondi promessi sui treni ed ha tirato in ballo il caso Italo. “Il governo ha disatteso impegni presi”, spiega l’imprenditore, “non è arrivato nulla”.

“Se non arrivano i fondi promessi in tempi molto rapidi, Italo sarà costretto a fermarsi”. Queste le parole di Luca Cordero di Montezemolo che ha puntato i riflettori sulla vicenda legata ai trasporti su rotaie a livello nazionale. Sarebbe una grande sconfitta per il Paese. La concorrenza nei treni ha consentito di ridurre del 40% le tariffe, e la privatizzazione italiana viene citata come esempio in Europa”.

“Oggi emerge un Paese bloccato, che vive alla giornata e senza una visione”, ammonisce Montezemolo. Ricorda, inoltre, che molti piccoli imprenditori di ogni settore sono costretti a chiudere. Bisogna guardare anche al domani, non solo all’emergenza”.

Italo verso lo stop se non arrivano i fondi dal Governo

italo
Italo (Getty Images)

I treni ad alta velocità sembrano cliniche. Sono puliti, con posti seduti e quindi tracciabili e ricambio d’aria frequente”, spiega Montezemolo. Ma “oggi sui treni ad alta velocità si viaggia al 50%, mentre sul trasporto locale all’80% o al 100% e senza controlli per i pericolosi assembramenti”.

“È stato penalizzato chi è più sicuro e si è finanziato chi è meno sicuro”, attacca l’imprenditore. Le sue parole, in chiusura, sono un monito per il Governo: “Non disconosco l’impegno ma non vorrei che il Covid diventi il paravento per non affrontare di petto con urgenza problemi economico sociali del Paese”.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, l’Oms: “Le pandemie sono più mortali e costose degli attacchi terroristici”