Lavoro, a Napoli disoccupati occupano sede Consiglio Comunale

Lavoro, a Napoli disoccupati organizzati del quartiere Scampia sono entrati nell’aula di via Verdi. Chiesto incontro con il sindaco

Gli impegni presi nei precedenti incontri avuti con gli assessori al ramo e con il sindaco Luigi De Magistris non sono stati mantenuti. Lo denunciano i disoccupati organizzati di Scampia, periferia a Nord di Napoli, che questa mattina hanno occupato la sede del Consiglio Comunale di Napoli. Denunciano anche di non avere più il Reddito di Cittadinanza perché scaduto. Finché non ci sarà un nuovo incontro con il primo cittadino, gli occupanti resteranno ad oltranza nella sede di via Verdi, occupato da questa mattina.

Gli occupanti si trovano nella sala Giorgio Nugnes e attendono l’arrivo del sindaco per poter discutere della situazione in cui versano da anni, aggravata dalla pandemia che ha colpito tutti i lavoratori con le conseguenze che sono state ancora più gravi su chi un lavoro già non ce l’aveva.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus e Covid-19 sono sinonimi? Le differenze tra i due nomi

Lavoro, archiviata indagine su capo degli ispettori a Napoli

Lavoro
Getty Images

È arrivata proprio oggi un’altra notizia che riguarda il mondo del lavoro di Napoli e della Campania. Questa mattina il Gip di Avellino Fabrizio Ciccone ha archiviato il procedimento a carico di Renato Pingue, il capo dell’Ispettorato Interregionale del lavoro di Napoli, coinvolto nel 2016 in un’inchiesta di corruzione quando era direttore nella provincia di Avellino.

Nel novembre del 2018 Pingue fu arrestato dai carabinieri irpini con l’accusa di corruzione in accordo con un grosso imprenditore avellinese. Qualche giorno dopo fu scarcerato e oggi, dopo quatto anni dall’apertura dell’indagine, il gip ha accolto la richiesta del pubblico ministero perché dalle indagini, scrive nell’ordinanza del giudice, non sono stati rilevati fatti da ritenere utili per procedere contro gli indagati per i reati imputati. Oltre a Pigue e all’imprenditore entrarono nell’indagine anche altre sei persone. L’archiviazione è stata disposta per tutti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, De Luca: “In Campania lockdown dalle 23 a partire da venerdì”