Venezuela, direttore del quotidiano Correo del Caron arrestato per 4 ore

Venezuela, il direttore David Natera Febres ieri è stato portato nella sede dei servizi segreti Sebin: interrogato senza avvocati

Venezuela
David Natera Febres, direttore de Correo del Caroní (foto Twitter)

Il direttore del quotidiano venezuelano Correo del Caroní, David Natera Febres, ieri è stato arrestato e portato nella sede dei servizi di intelligence militari Sebin nella città di San Félix. Il direttore ha subito prima una perquisizione presso la sua residenza a Puerto Ordaz, nello Stato di Bolívar prima di essere trasferito dai militari.

La notizia è stata diffusa dallo stesso giornale sostenendo che la detenzione è durata in tutto quattro ore. Via Twitter il giornale ha spiegato che il proprio direttore è stato portato via dal Sebin senza spiegare i motivi e che non hanno fatto assistere agli avvocati quando gli sono state rivolte delle domande.

Domande e temi trattati che restano al momento ancora ignoti. Il rilascio in serata del direttore è stato anche confermato dal portare di opposizione al governo Al Pitazo. Secondo un ex deputato il fermo al direttore riguarda una nomina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La storia di Donald Neely: l’afroamericano arrestato “come uno schiavo” – VIDEO

Venezuela, il figlio del direttore nominato dall’autoproclamato presidente

Nulla ancora di ufficiale suo motivi che ieri hanno portato il Sebin, il servizio segreto del paese sudamericano, ha tenere nelle propria sede per quattro ore il direttore Natera Fabres.

Ufficiosamente, però, un’ipotesi c’è. Secondo César Ramírez l’intervento del servizio di intelligence è dovuto al fatto che Juan Guaidó, l’autoproclamatosi presidente ad interim del Venezuela, abbia nominato il figlio del direttore del Correo del Caroní membro del Consiglio nazionale di difesa legale dello Stato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fauci in uno spot della campagna di Trump, l’ira dello scienziato: “Non avevano il mio consenso”