Morto Lillo Tombolini, direttore di La7: aveva 79 anni

Si è spento all’età di 79 anni Lillo Tombolini. Il mondo della televisione italiana piange lo storico direttore di La7.

Morto Lillo Tombolini
Il mondo della televisione piange il direttore di La7 (WebSource)

Giornata di lutto nel mondo della televisione, che piange la scomparsa di Lillo Tombolini morto questa mattina nella sua abitazione di Roma. Subito dopo la notizia della sua scomparsa, sono diversi i messaggi di cordoglio per la scomparsa del direttore.

Uno su tutti quello di Enrico Mentana che sul suo profilo Instagram ha scritto: “Se ne è andato in questa stagione plumbea, in punta di piedi, come nel suo stile di sempre. Lillo Tombolini era il direttore di La7 quando ci sono arrivato dieci anni fa“.

Successivamente Mentana ha lodato la persona di Tombolini affermando: “Era una persona per bene. Lillo lo era davvero, e si distingueva un po’ da tutti noi, nel Barnum della tv. Un professionista, un amico, un perdita per tutti. E se molti stanno pensando “non sapevo chi fosse“.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coronavirus, De Luca annuncia: “Anche oggi oltre 700 positivi”

Muore Lillo Tombolini: la carriera del direttore

Lillo Tombolini
La televisione piange la scomparsa del direttore (WebSource)

A dare la notizia della scomparsa agli spettatori di La7 ci ha pensato la presentatrice Myrta Merlino. Infatti in chiusura della sua trasmissione, “L’aria che tira“, Myrta ha affermato: “Stanotte è morto Lillo Tombolini, è stato per tanti anni il direttore di questa rete. Era un uomo per bene, adorava il suo lavoro. I suoi messaggi erano sempre osservazioni puntuali e affettuose. Ci mancherai, mi mancherai“.

Durante la sua carriera, Tombolini ha fatto tutta la trafila delle reti locali. Il suo nome però viene ricordato soprattutto quando passò a Rete 4 nel 1974. Il nuovo canale di Mondadori riscuote subito grande succsso con Lillo alla guida, che riesce a lanciare programmi come Bim Bum Bam e Drive in, fino a passare ai cartoni con il lancio de “I Puffi”.

Il passaggio a La7 arriverà solamente nel 2001, con Tombolini che diventa protagonista del rinnovamento della rete. Sotto la sua guida, in quegli anni La7 potrà vantare nomi del calibro di Giuliano Ferrara con Otto e Mezzo, Gad Lerner con L’Infedele, Daria Bignardi con Le Invasioni Barbariche, Piero Chiambretti con Markette, Ilaria D’Amico con Exit. Tombolini così fa crescere la rete fino alla consacrazione assoluta arrivata con l’ingaggio di Enrico Mentana nel 2010.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coronavirus, l’allarme di Ricciardi: “Posti ospedali quasi tutti pieni”

L.P.

Per altre notizie di Cronaca, CLICCA QUI !