Regno Unito, 16enne pestata sull’autobus: non indossava la mascherina

Video sconvolgente direttamente dal Regno Unito, dove un uomo ha pestato una sedicenne sull’autobus. La ragazza non indossava la mascherina.

Regno Unito
L’uomo che ha pestato la ragazzina (Screenshot video)

Follia e paura a Moxley, nel Regno Unito, dove un uomo ha deciso di pestare una ragazzina di 16 anni perchè non indossava la mascherina sull’autobus. Dopo una breve discussione con la ragazzina, l’uomo ha deciso di alzare le mani, o meglio i piedi. La ragazza precipitata a terra dopo i primi calci, è stata raggiunta da un altro paio di colpi prima di essere difesa dagli altri presenti sul bus.

A riprendere la scena ci hanno pensato proprio i presenti sul bus. La discussione sarebbe iniziata proprio quando la ragazzina è salita sull’autobus, senza il consueto dispositivo di sicurezza imposto per la prevenzione al Coronavirus. L’uomo ha poi incalzato la dose d’odio urlando alla 16enne: “Non sono razzista, ma il comune è più diffuso tra africani e asiatici“.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Twitter blocca e riattiva account di Trump: il motivo

Regno Unito, uomo pesta una sedicenne sull’autobus – VIDEO

Nel video riproposto anche dal quotidiano britannico, The Sun, vediamo l’uomo gettarsi con violenza contro la ragazzina subito dopo il suo ingresso sull’autobus. L’uomo dopo aver scagliato diversi calci sul corpo della sedicenne, ha poi aggiunto: “Non sono razzista, ti sto dicendo solamente di mettere la mascherina” – ha poi continuato – “Se non avessi 16 anni, ti avrei buttata giù dall’autobus“.

Dopo le parole dell’uomo gli animi si sono scaldati, con la ragazzina che ha risposto a tono all’uomo. Infatti secondo le testimonianze la 16enne avrebbe risposto: “Provaci se ci riesci“, mentre si dirigeva verso l’uscita del mezzo. L’uomo a quel punto, adirato, ha tentato di scagliare un calcio contro la ragazzina, fortunatamente mancandola. A quel punto un ragazzo si è alazato per difendere la sedicenne, scagliandosi contro l’uomo ed urlando: “Cosa combini? La prossima volta ti uccido“.

Ben presto sono state avvertite le forze dell’ordine su quanto accaduto. La polizia di Moxley ha così aperto un’indagine. Adesso, infatti, l’uomo potrebbe essere accusato di aggressione con aggravante razziale.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coronavirus, più di 35 milioni di casi nel mondo: spaventa il numero di morti

L.P.

Per altre notizie di Cronaca Estera, CLICCA QUI !