Salvini, caso Gregoretti: udienza cominciata, chiesta l’archiviazione

Salvini, caso Gregoretti: è cominciata a Catania l’udienza preliminare per il rinvio a giudizio sulla vicenda dello sbarco di 131 migranti

Salvini caso Gregoretti
Matteo Salvini (Getty Images)

Poco fa presso il Palazzo di Giustizia a Catania è cominciata l‘udienza preliminare per il rinvio a giudizio del leader della Lega Nord Matteo Salvini in merito allo sbarco di 131 migranti dalla nave della Guardia Costiera Gregoretti quando era ministro dell’Interno.

La Procura ha chiesto nuovamente l’archiviazione dall’accusa di sequestro di persona, come aveva già fanno all’inizio del procedimento. Andrea Bonomo è il Sostituto Procuratore rappresentante l’accusa, Giulia Bongiorno è l’avvocato difensore e Nunzio Sarpietro il Gup.

La difesa ha chiesto il non luogo a procedere e un’eventuale audizione dell’attuale ministro dell’interno Luciana Lamorgese per dimostrare se le attuali procedure di sbarco siano le stesse dei capi d’imputazione.

Salvini ha ringraziato su Twitter Antonio Tajani di Forza Italia e Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia, anche loro presenti a Catania, per aver il sostegno espresso al leader leghista.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Campania, matrimoni al tempo del Covid: arriva il nuovo protocollo

Salvini, caso Gregoretti: i fatti e l’accusa

Era il luglio dello scorso anno quanto 131 migranti rimasero per quattro giorni a bordo della nave Gregoretti prima di poter sbarcare in Sicilia. Da lì l’accusa di sequestro di persona. In giornata dunque la decisione se rinviare a giudizio Salvini o far cadere le accuse. Il giudice è già in camera di Consiglio.

Ieri ci sono state delle manifestazioni pro Salvini con lo slogan “processate anche me” e oggi è il turno di chi è contrario all’ex ministro con circa 500 persone che si sono riunite in piazza Trento, non lontano dal Tribunale.

Proprio oggi cade il settimo anniversario della tragedia di Lampedusa quando 368 persone morirono inseguito a un nubifragio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Movimento 5 Stelle, Fico: “Scissione? Non sono preoccupato”