Peppino Caldarola è morto questa mattina: aveva 74 anni

Peppino Caldarola è morto questa mattina: l’ex parlamentare e direttore de L’Unità aveva 74 anni. Lutto nel mondo del giornalismo.

Morto Peppino Caldarola
Peppino Caldarola

Lutto nel mondo del giornalismo per la scomparsa in mattinata di Peppino Caldarola, ex direttore de L’Unità e parlamentare per due legislature eletto con il gruppo de L’Ulivo. Si è spento a 74 anni al Policlinico Umberto I di Roma, dopo una breve malattia.

Vicedirettore di Rinascita a lungo, fu il fondatore ed il primo direttore di Italiaradio. Allo scioglimento del Partito Comunista Italiano (PCI), si è unito al Partito Democratico della Sinistra. Successivamente è stato con i Democratici di Sinistra. Dal 1996 al 2000 – con alcune interruzioni – è stato il direttore del quotidiano L’Unità.

LEGGI ANCHE –> Navalny ringrazia la moglie: “Così mi hai salvato dal coma”

L’addio a Peppino Caldarola

Livrasco precipita aereo
Ambulanza (da Pixabay)

Negli ultimi anni aveva collaborato con il giornale online Lettera43 (dove teneva la rubrica “Mambo”), con la rivista Formiche (dal 2015) e con il sito Strisciarossa. Nel 2018, proprio con un articolo online, ha annunciato la decisione di dimettersi dalla carica di direttore responsabile della rivista ItalianiEuropei.

Caldarola era nato a Bari il 9 aprile 1946. Gli inizi in politica nel Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria, negli anni della militanza giovanile. Poi, come detto, il passaggio al PCI: fu segretario cittadino del Partito Comunista di Bari fino al 1977. Nel 2018 aveva annunciato il voto per Liberi e Uguali, partito fondato da Pietro Grasso (poi scioltosi il 19 aprile 2019 e sostituito come movimento politico da La Sinistra e Europa Verde).

LEGGI ANCHE –> ELEZIONI REGIONALI, LE REAZIONI DEI PRINCIPALI LEADER