Acerra, tragedia assurda: sperona e uccide la sorella perché gay

Acerra, tragedia assurda: sperona e uccide la sorella perché gay mentre l’altra vittima dell’incidente sarebbe ricoverata in ospedale.

Tragedia assurda ad Acerra, comune a pochi passi da Napoli. Un ragazzo di 25 anni, Antonio Gaglione – secondo quanto riportato in queste ore dall’edizione online de ‘Il Mattino’ – avrebbe infatti speronato e ucciso la sorella di 22 anni, Maria Paola. Il ragazzo non sopportava che la sorella avesse una relazione con un’altra donna e, dunque, avrebbe deciso di seguire le due ragazze in scooter e di tamponarle, facendole uscire di strada. Maria Paola sarebbe andata a finire contro un tubo e sarebbe morta sul colpo, metre l’altra ragazza sarebbe stata picchiata da Antonio mentre era ferita a terra.

Acerra uccide sorella
Carabinieri (da Pixabay)

Acerra, uccide la sorella perché gay: le sue parole

Il ragazzo, che avrebbe poi ammesso tutto ai carabinieri, ha rilasciato queste dichiarazioni: “Non volevo uccidere nessuno e ho commesso un grandissimo errore. Non sopportavo che quella là avesse ‘infettato’ mia sorella“. Antonio Gaglione sarebbe stato trasferito immediatamente in carcere con l’accusa di omicidio e violenza privata aggravata da omofobia. Seguiremo con attenzione l’evolversi della vicenda e vi terremo sicuramente aggiornati nel corso delle prossime ore in caso di novità importanti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Coronavirus, focolaio ad Acerra: ci sono 19 casi da rientro