Esplosione in prefettura, Alfano: “Atto grave”

Appena appresa la notizia dell’esplosione in prefettura, il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha telefonato al prefetto di Napoli, Francesco Musolino, esprimendogli la sua solidarietà e vicinanza per il grave atto intimidatorio avvenuto questa mattina. Alfano ha rivolto poi gli auguri di pronta guarigione alla collaboratrice del Prefetto ferita, auspicando che sia fatta chiarezza al piu’ presto sull’accaduto. Il ministro ha sottolineato infine “l’importanza che, per il territorio e per i cittadini, rivestono i Prefetti, presidio di legalità e di sicurezza“.

Anche il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, ha contattato Musolino, per esprimere la propria solidarietà per il “vile atto criminoso” avvenuto questa mattina quando una busta è esplosa all’interno della segreteria del prefetto. Il presidente Caldoro, nel corso della telefonata – si legge in una nota -, si è informato sulle condizioni di salute della dipendente della Prefettura rimasta ferita nell’attentato.

“Solidarietà al Prefetto di Napoli, Francesco Antonio Musolino, e all’impiegata rimasta ferita dallo scoppio”. A dichiararlo è Enzo Amendola, segretario regionale del Pd Campania, dopo l’esplosione di una busta avvenuta oggi alla Prefettura di Napoli. “E’ un gesto che condanniamo senza mezze misure – aggiunge Amendola -, chi vuole cavalcare il malcontento generale dovuto alla crisi con la violenza e le intimidazioni non è soltanto fuori ma contrario alla democrazia . A titolo persone e degli iscritti del Pd porto la mia vicinanza a tutti i dipendenti della Prefettura e a chi ogni giorno lavora per far funzionare al meglio le istituzioni repubblicane“.

Così il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Nunzia De Girolamo: “Esprimo la mia solidarietà all’impiegata della Prefettura di Napoli e al Prefetto per il gravissimo episodio accaduto questa mattina. Si tratta di un segnale assolutamente da non sottovalutare, soprattutto in un momento come questo, in cui le Istituzioni sono in prima linea per riportare alla normalità un territorio troppo a lungo martoriato. Non bisogna lasciarsi intimorire e non dobbiamo mai abbassare la guardia. In attesa che si faccia chiarezza su questo episodio confermo tutto il mio sostegno al Prefetto Francesco Antonio Musolino, invitandolo a proseguire con il suo lavoro“.