Comune di Napoli, donne occupano palazzo San Giacomo

Tensione questa mattina a Palazzo San Giacomo: un gruppo di persone, prevalentemente donne, è entrato nella sede del Comune di Napoli e l’ha occupata. Al momento del tentativo di ingresso dei manifestanti si sono vissuti momenti di tensione con la Polizia Municipale che ha cercato di bloccare l’iniziativa.

L’intervento dei vigili non ha avuto successo visto che un gruppo di donne è riuscito comunque a entrare in alcuni uffici di Palazzo San Giacomo. Altre invece hanno raggiunto un balcone che affaccia sull’esterno della sede del Comune di Napoli e hanno appeso uno striscione, poi rimosso dalle forze dell’ordine, che invitava le istituzioni a risolvere i problemi del lavoro. Un’altra donna invece si è arrampicata tra due balconi e ha minacciato di lanciarsi nel vuoto, mentre ancora un’altra manifestante ha avuto un malore e è stata soccorsa dai medici del 118. I manifestanti sono stati poi portati in Questura.

Tutto questo è avvenuto mentre una trentina di disoccupati, appartenenti ai ‘Banchi Nuovi’, era davanti alla sede del Comune di Napoli urlando slogan sul lavoro: i manifestanti protestavano per la scarsa attenzione che, a loro dire, le istituzioni cittadine hanno avuto nei confronti della vertenza che li riguardano.

La richiesta del gruppo di manifestanti è l’apertura di un tavolo di confronto per parlare dell’utilizzo dei fondi già stanziati e che potrebbero essere utilizzati per individuare una soluzione alla loro vertenza. E i problemi dei disoccupati napoletani valicano anche i confini della città: un gruppo del Coordinamento Bros, circa cinquanta persone, è in viaggio per Roma dove chiederà un incontro al Ministero del Lavoro.