Napoli un solo risultato possibile

Ancora in campo ed ancora il Napoli in notturna al San Paolo. Stavolta l’avversario, almeno sulla carta è di modesta caratura. Arriva il Lecce fanalino di coda, reduce dalla sconfitta in casa con il Catania. Nulla di preoccupante dunque per gli uomini di Mazzarri, che hanno resistito a ben più grosse squadre, eppure bisogna stare attenti per non ripetere gli errori di Bregamo e Verona. Il Lecce di certo non verrà a Napoli per fare la partita, anzi al contrario, verrà per cercare di non prenderle e magari strappare via un pareggio che di questi tempi, contro il Napoli, vale oro.

Il Napoli stasera è chiamato alla vittoria obbligata per non perdere contatto con la parte alta della classifica, per restare ancora in corsa, ma la partita non si preannuncia per nulla facile. Sappiamo bene che gli azzurri soffrono contro le squadre che non permettono di giocare e che si arroccano in difesa. Probabilmente questa sarà anche la partita del Lecce e Mazzarri dovrà tirare dal cilindro la soluzione. In primis via ad un turn over per far rifiatare la difesa, con capitan Cannavaro e forse anche Campagnaro a riposo in vista dell’impegno di Champions. Spazio allora ad Aronica, Fideleff e Fernandez. Riposo anche per Maggio ed Hamsik, sostituito con molta probabilità da un rinato Pandev. Questa di stasera potrebbe essere proprio la sua partita, visto che con la Juve è riuscito ad andare ben oltre la sua attuale condizione fisica, mettendo a segno una doppietta. Il recupero del macedone potrebbe rappresentare una svolta per il continuo del campionato del Napoli, in attesa che a Gennaio si metta mano al portafogli per portare a Napoli qualcuno che sia in grado di rinfoltire il reparto offensivo.

Prima Lecce e poi Novara e di mezzo la difficilissima trasferta in terra Spagnola di mercoledì sera, nella quale il Napoli si gioca una fetta della sua stagione. Questo i ragazzi lo sanno bene, visto che alla Champions stanno dedicando anche l’anima, incappando in battute d’arresto, specie prima delle partite europee, che non sono proprio da Napoli. A completare il quadro arrivano le parole del presidente De Laurentiis, premiato a Napoli nel corso di una manifestazione degli Industriali Napoletani, che ha detto di volere quattro vittorie prima di Natale partendo proprio da stasera.

Una stagione così nessuno se la sarebbe aspettata, ma adesso il Napoli è sul treno dei campioni e non pensa minimamente di abbandonarlo. Mercoledì si avvicina e con esso anche il responso sul futuro che non sembra così grigio come qualcuno inizia a paventare, anzi al contrario: la crescita programmata dalla società sta continuando ed anche questo campionato, forse più di quello passato, è una scuola fondamentale per farsi le ossa, irrobustire il carattere ed i muscoli in vista di un futuro, nemmeno tanto lontano, in cui il Napoli sarà di nuovo nell’olimpo del calcio che conta.