La Coppa America spacca la maggioranza al Comune

Le due tappe della Coppa America ottenute da Napoli sono state accolte con soddisfazione da tutte le parti in causa: Comune, Provincia, Regione,tutti ed esaltare il risultato raggiunto. Peccato però, che l’impresa si annunci ancora più complicata di quanto si pensasse. Intanto la conferenza stampa che avrebbe dovuto presentare i dettagli dell’accordo e che era stata annunciata per il 29 settembre non è più sicuro che si svolga. Poi c’è da registrare la spaccatura della maggioranza al Comune durante la conferenza dei capigruppo che doveva fissare la seduta monotematica proprio sulla Coppa America: la seduta è stata fissata solo grazie al voto dell’Udc. Sel e Napoli è tua, due partiti che appoggiano la giunta De Magistris, infatti, hanno votato contro, mentre un altro partito della maggioranza, la Federazione della Sinistra, si è astenuto: in questo modo a votare per il sì sono stati solo Idv e Udc.

La seduta, in programma oggi alle ore 15.30, che esaminerà la delibera della costituzione della società di scopo per la programmazione, progettazione e realizzazione dell'”America’s cup world events”, si preannuncia quindi davvero infuocata se i due partiti che fino a questo momento hanno appoggiato il primo cittadino ribadiranno il loro parere contrario all’evento. Una posizione che il vicesindaco Sodano giudica strumentale affermando che le regate accelereranno il processo di bonifica e di rimozione della colmata che “restano la priorità del Comune”.

Mentre la maggioranza al Comune mostra le prime crepe, le varie istituzioni hanno raggiunto un accordo sul piano per finanziare la Coppa America: ieri, al termine di due riunioni fiume, è stato stabilito come saranno ripartiti i costi per l’organizzazione dell’evento, che in totale avrà bisogno di circa 40 milioni di euro. Il carico più grande sarà sulle spalle della Regione: Palazzo Santa Lucia si accollerà 1 milione dei cinque totali (1 sarà assicurato dal Comune e 3 dalla Provincia) necessari per l’affitto del marchio “Coppa America” e in più dovrà provvedere allo sblocco dei 14,5 milioni di euro per il completamento del Parco dello sport e della Porta del parco oltre ad aver assicurato altri 15 milioni di euro per opere attinenti.

Ancora da dividere i cinque milioni di euro necessari per il secondo appuntamento, previsto per la primavera del 2013. Fin qui i costi: una volta partito, però, si spera che l’evento genererà entrate pari almeno alle polemiche e alla difficoltà che hanno caratterizzato la sua organizzazione. Questo significherebbe davvero un grande successo.