Taranta Festival 2011: la danza invade il Maschio Angioino

Due serate imperdibili attendono gli appassionati del ballo popolare: martedì 13 e mercoledì 14 settembre si svolgerà il Napoli Taranta Festival 2011.

E’ la prima volta che la città sponsorizza un evento simile: l’iniziativa, promossa dall’assessorato alla cultura, ha tutte le carte in regola per diventare una splendida consuetudine che, anno dopo anno, si ripeterà. Sarà un maestro del ritmo del calibro di Eugenio Bennato a supervisionare il Festival, di cui è stato nominato direttore artistico. La manifestazione è stata fortemente voluta dal sindaco Luigi De Magistris che lo ha introdotto così: “Questo evento rappresenta un’anteprima assoluta creato con lo spirito di valorizzare Napoli come luogo di cultura, spettacolo e teatro. Vogliamo rendere Napoli un luogo stabile della Taranta e della Tarantella, così come già da tempo succede in altre zone del Mezzogiorno”.

L’evento avrà luogo in una location d’eccezione: il Maschio Angioino che per l’occasione si tingerà di tinte forti e sonorità antiche. L’inizio dello spettacolo è previsto per le ore 21.00, sia il 13 che il 14. Il biglietto di ingresso potrà essere acquistato al costo di 7 euro più 1,50 euro di prevendita. La serata del 13, che sarà riproposta in replica il 14, si articolerà in due momenti: nella prima parte gli spettatori potranno assistere alla straordinaria performance dell’orchestra sinfonica che, insieme al coro del Teatro San Carlo, suonerà la Suite per orchestra e voci popolari, dando vita ad uno spettacolo senza precedenti grazie anche alla presenza Antonio Piccinino, maestro di Taranta. Subito dopo sarà la volta di Eugenio Bennato che, con il suo sound inconfondibile, si esibirà nel suo “Balla la nuova Italia” che rappresenta un omaggio ai cantori della musica popolare, come ci tiene a sottolineare lo stesso Bennato. Un evento imperdibile, dunque, per gli estimatori del genere ma anche per curiosi e profani che si troveranno catapultati in un mondo magico, fatto di atmosfere calde e sfrenate.

Sicuramente da non perdere!