Griffe taroccate: laboratori nei palazzi del centro, quindici arresti

griffe false napoli Blitz contro i falsari ieri mattina all’alba: tra i produttori di merce contraffatta, quindici arresti. La Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito la maxioperazione ai danni di falsari e commercianti di merce illegale, scoprendo affiliati che operavano nel campo delle sigarette di contrabbando. Una rete capillare che comprende la merce venduta in ogni angolo di via Toledo e centro storico dai soliti ambulanti, ma stavolta il blitz ha interessato soprattutto i produttori, coloro che solitamente organizzano le vendite. Quindici le ordinanze di custodia cautelare che hanno interessato undici persone finite in galera e quattro ai domiciliari. Le indagini, coordinate dalla Procura di Napoli, hanno smascherato un’organizzazione produttrice e distributrice di griffe contraffatte ramificata in più regioni – Campania, Puglia, Toscana e Marche – ma estesa anche oltre l’Italia: per evitare i controlli, qualcuno aveva delocalizzato parte della merce fino in Romania.

Fondamentali le intercettazioni delle conversazioni telefoniche dei responsabili, dediti alla produzione e commercio di capi d’abbigliamento e accessori falsi, tra cui cinture e borse, ma anche tabacchi esteri. Dalle intercettazioni telefoniche sono state captate le principali informazioni per organizzare la retata che ha portato agli arresti. Si è scoperto, infatti, che i contrabbandieri erano soliti assemblare la merce in vani seminterrati o appartamenti situati anche al centro storico di Napoli o nei quartieri bene. Una mossa astuta, perché nessuno avrebbe potuto sospettare che in stabili e palazzi del centro potessero celarsi veri e propri laboratori per produrre i capi falsi, con tanto di stampi e attrezzi per rendere la merce perfettamente uguale a quella originale. Tra le griffe più quotate, Hogan, Dolce & Gabbana, Luis Vuitton, Armani e Prada.

borsa luis vuitton falsa

Messi alle strette dai primi controlli da parte della Guardia di Finanza, i produttori avevano escogitato un piano portato avanti per molto tempo e quindi riuscito perfettamente: utilizzare spedizioni per la Romania, per poi occuparsi della vendita tramite corriere in Italia, Francia e Spagna.