Napoli: il sogno diventa realtà, Roma Ko

A Napoli ci speravano tutti i tifosi ed alla fine i loro sogni si sono realizzati, il Ciuccio doma la Lupa!
All’Olimpico di Roma i giallorossi si schiantano contro l’invincibile armata partenopea, in una serata che per gli azzurri ed i loro tifosi al seguito non può essere altro che da incorniciare. Una di quelle serate da mettere negli annali delle emozioni Napoli. Due a zero, secco, netto, senza mai aver rischiato nulla, controllando l’avversario e colpendo al momento giusto. Ebbene si oramai il Napoli -i nostri ragazzi- è una squadra consolidata che sa tenere il campo, il Napoli è maturo. Certo che per i tifosi napoletani la partita con la Roma è stata davvero bella da vedere, soprattutto se si analizzano le prove dei giocatori, Cavani su tutti che si conferma capocannoniere con una doppietta che vale oro. Nota di merito va data anche al reparto difensivo con Cannavaro e Campagnaro che non hanno sbagliato nulla, riuscendo anche a dare una mano alle spinte offensive della squadra, come quando Cannavaro ha servito l’assist per il raddoppio di Cavani, con un cross perfetto dalla linea di fondo campo. Una prova di grande maturità insomma, che lascia ben sperare per il continuo del campionato e ben auguranti sono state anche le parole di Mazzarri che nel dopo partita, a chi gli chiedeva dello scudetto, ha risposto cosi: “Quella parola lì non si pronuncia, neanche le prime due lettere. Ci speravo in una partita così contro la Roma. Il Napoli sta crescendo e giocare così mi conferma che abbiamo fatto un salto di qualità”. Non poteva essere altrimenti del resto, il mister azzurro continua a tenere i piedi per terra ma dalla sua voce e dai suoi occhi, traspariva tutta l’emozione della consapevolezza di star costruendo qualcosa di bello, che potrebbe regalare grandi emozioni.

Perché questo è stato il Napoli visto in campo, una grande emozione durata novanta minuti, in cui i giocatori hanno interpretato a pieno la loro parte, sbagliando poco o nulla, senza quasi mai cadere nelle provocazioni degli avversari, visivamente infastiditi dalla prestazione che il Napoli, minuto dopo minuto, stava mettendo in campo. Erano convinti, loro, che gli azzurri si sarebbero rivelati un fuoco di paglia e che il campionato che stanno conducendo si sarebbe interrotto li, sull’erba dell’Olimpico. Ma non è stato così ed adesso sono i giallorossi ad essere del tutto estromessi da una corsa scudetto, che vede il Napoli sempre più lanciato.
La gara di per se, l’abbiamo vista tutti, il Napoli non è stato mai in pericolo, ha saputo controllare le sortite offensive della Roma ed è riuscito a ripartire bene, molto bene, specie sulla fascia destra, dove Maggio ha corso per tutti e novanta i minuti senza risparmiarsi. I ragazzi sono riusciti ad essere quasi cinici ed hanno visto nel Matador l’anima vera della partita. Un Cavani, che non si risparmia mai e che ieri sera ha corso anche per il suo compagno di reparto Lavezzi, un po’ a corto di fiato per la fatica accumulata nel suo impegno con la nazionale argentina. Un Cavani che può essere più che soddisfatto del suo campionato, perché con la doppietta di ieri sera supera anche il primato di Careca per quel che riguarda i goal segnati in una stagione.
Il Napoli è diventato la macchina dei sogni che tutti volevano e la vittoria con la Roma, incorniciata dalla partita perfetta, è un tassello importante per inseguire il sogno più grande e forse più inaspettato…ma come dice Mazzarri, forse è meglio non pronunciare quella parola li, lasciamola ancora un po’ crescere nei nostri cuori, poi si vedrà.