Facebook a sostegno dell’Ucraina: cambia tutto nelle impostazioni

Facebook ha deciso di schierarsi apertamente a sostegno dell’Ucraina ed ha cambiato tutto per ciò che concerne le impostazioni.

In questi ultimi giorni, le notizie in tutto il mondo sono focalizzate su quello che sta accadendo tra Russia ed Ucraina. La guerra cominciata da Putin avrà sicuramente delle ripercussioni economiche per tutti. Ancora non è chiaro se il conflitto potrà risolversi nel giro di poco oppure, per forza di cose, si estenderà anche ad altri Paesi.

facebook
Una scherma di accesso a Facebook da desktop (via pixabay)

In Ucraina i soldati stanno combattendo e prestando la loro vita per la causa della loro nazione. Intanto, in Europa e negli Stati Uniti si sta cercando il modo di provare a tagliare quanto più possibile le risorse economiche a disposizione di Putin affinché decida di rivedere i propri piani d’azione.

Una grossa campagna, però, si sta svolgendo anche e soprattutto sui social. Non solo di sensibilizzazione, ma anche di solidarietà ed informazione. Meta, la società che gestisce Facebook ed Instagram, è in prima linea a sostegno dell’Ucraina. Negli ultimi giorni, infatti, ha immediatamente risposto apportando delle modifiche importanti alle impostazioni degli account.

Facebook cambia le impostazioni: cosa sta succedendo

facebook
Il messaggio di Nick Clegg, vice presidente del Global Affairs and Communications presso Meta, sulla situazione in Russia ed Ucraina (via social)

Nei giorni scorsi, come racconta Nick Clegg, vice presidente del Global Affairs and Communications presso Meta, la Russia ha chiesto a Facebook di limitare la funzionalità del check delle notizie sul social, in particolar modo per i contenuti postati dai media russi in queste ore.

La risposta di Facebook è stata negativa e, per tutta risposta, dalla Russia hanno fatto sapere che a partire dai prossimi giorni limiteranno l’utilizzo dei servizi social erogati da Meta. In foto, poi, abbiamo riportato la parte finale della nota di Clegg in cui dice con chiarezza che i cittadini russi utilizzano quotidianamente le app di Meta per far sentire la propria voce e l’azienda spera che possano continuare a farlo.

Intanto, per cercare di preservare quanto più possibile i cittadini ucraini, Meta ha immediatamente attivato la funzione “Facebook Lock”. L’impostazione, si specifica, è attivo solo nei luoghi in cui le persone necessitano di una protezione ulteriore.

La funzione serve ad evitare che i dati dei cittadini ucraini, attualmente sotto minaccia, possano essere visti da persone esterne. Le informazioni personali, le condivisioni dei luoghi e tutto ciò che può rendere maggiormente vulnerabile l’individuo in una situazione di emergenza, attivando “Facebook Lock”, diventeranno accessibili solo ed esclusivamente agli amici.