Capri, deciso il metodo di rimozione dell’autobus precipitato

A Capri continuano i rilievi sul bus precipitato nei giorni scorsi. Gli inquirenti hanno anche deciso come recuperare il mezzo.

Capri
Il veicolo sarà rimosso nei prossimi giorni (foto Ansa)

L’autobus precipitato 6 giorni fa sarà recuperato con un elicottero dei Vigili del Fuoco. Il mezzo si trova in una scarpata al di sotto di Marina Grande a dieci metri dalla superficie stradale, rimanendo incastrato. Proprio la difficoltà della rimozione ha richiesto una soluzione.

Legge anche-> Capri, chi era Emanuele Melillo: il conducente morto nell’incidente

La decisione è stata presa dopo un sopralluogo da parte della Procura di Napoli nel punto dove è precipitato il mezzo. A seguito delle valutazioni del consulente tecnico dei magistrati si è deciso di non tagliare il mezzo in più parti. Il veicolo si trova incastrato, complicando le operazioni.

Capri, proseguono le indagini sull’incidente

Capri
Capri, Emanuele Melillo, l’autista coinvolto nell’incidente (via social)

Anche il dissequestro della strada non avverrà in tempi brevi. Al momento la circolazione è regolata dal senso unico alternato, con il divieto per gli autobus più grandi di transitare. Sono state apposte delle barriere new jersey e la perizia dell’ingegner Lima contemplerà anche l’assenza di barriere protettive adeguate.

Leggi anche->Incidente Capri, si indaga sulle condizioni del bus: il punto dell’inchiesta

Secondo l’attuale normativa tali barriere non sarebbero obbligatorie. Tuttavia la forte pendenza della strada, unita alla presenza dello strapiombo, impongono la loro presenza in caso di manutenzione straordinaria. È quanto stabilito da una riforma del 2010. Secondo alcune informazioni raccolte dagli inquirenti, l’ultimo intervento straordinario su quel tratto di strada risalirebbe a sei anni fa. In quel caso venne disposto il consolidamento della scarpata. Ora tocca agli inquirenti stabilire le responsabilità dell’incidente, nel quale sono rimaste ferite 28 persone ed è morto l’autista del mezzo, Emanuele Melillo. I magistrati dovranno analizzare il veicolo, per capire se ci siano alcune relazioni tra lo stesso e l’incidente. La caduta da 10 metri d’altezza è tutta da ricostruire, nelle cause e nelle sue modalità. I parenti dei feriti aspettano ora dei provvedimenti dai giudici in modo da spiegarne l’accaduto.