Castellammare, esplosione nel Commissariato: indagini in corso

A  Castellammare una forte esplosione ha danneggiato il Commissariato di Polizia. Ci sono indagini in corso per ricostruire l’accaduto.

Castellammare
Forte esplosione nel Commissariato della città stabiese (via web)

Un boato intorno alle 15.30 ha scosso la tranquillità della città di Castellammare. Il forte rumore è dovuto ad un esplosione avvenuta nel vicino Commissariato di Polizia. Al momento non ci sarebbero feriti, stando alle dichiarazioni della Questura. Sul posto si sono precipitati i mezzi di soccorso per mettere in sicurezza la zona.

Leggi anche-> Acerra, sparati colpi di pistola contro la sede della Polizia Municipale

Oltre all’ambulanza e a mezzi di polizia e carabinieri erano presenti anche i tecnici delle condutture del gas. La sensazione era quella di una fuga di gas, responsabile della deflagrazione. In realtà, raccogliendo anche le testimonianze dei residenti, la realtà si è rivelata essere ben diversa.

Castellammare, cosa ha provocato l’esplosione

Castellammare
I danni sono ingenti ma non si registrano feriti (via web)

Secondo le testimonianze dei cittadini, il botto è stato provocato da alcune deflagrazioni tipiche dei fuochi d’artificio. Anche l’odore del fumo, che impregnava l’aria, era molto simile a quello che si rileva dopo l’esplosione di ordigni pirotecnici. Ingenti i danni, che hanno coinvolto altre strutture oltre al Commissariato.

Leggi anche-> Mariglianella, cibo pieno di muffa e sigarette a terra: chiusa una pizzeria

Infatti anche una palestra ed il vicino ufficio della Forestale hanno subito dei danni. Per quanto riguarda il Commissariato, l’esplosione è avvenuta all’interno degli spogliatoi degli agenti. Il botto ha coinvolto altre cinque stanze, sfondando vetri e danneggiando pareti del primo piano dello stabile. Coinvolte anche alcune auto parcheggiate, con gli airbag scoppiati a causa dell’onda d’urto. Sul posto è arrivato anche il sindaco della città, Gaetano Cimmino, che ha informato e aggiornato via social i cittadini. Si esclude la pista dell’attentato, mentre prende piede l’ipotesi di una esplosione di gas o di una caldaia. Per il momento la situazione rimane sotto costante monitoraggio, anche se il rumore si è sentito nitidamente a chilometri di distanza. Molti i curiosi e le persone che hanno cercato di capire l’origine del boato.