Variante Delta Plus, scoperta nuova mutazione: è già arrivata in Europa!

Una nuova mutazione, definita plus, della variante Delta ha già iniziato a diffondersi arrivando anche in Europa: quello che c’è da sapere.

Variante Delta
Un medico alle prese con il Covid-19 (Getty Images)

L’Italia prosegue la campagna di vaccinazione per prevenire la diffusione sul territorio di nuove varianti del Covid-19. C’è preoccupazione, infatti, riguardo le mutazioni del virus che ha messo in ginocchio il mondo intero nell’ultimo anno e mezzo. L’ultima, in ordine di tempo, è la variante Delta plus. L’India l’ha classificata come preoccupazione (Voc), ma al momento gli esperti si dividono circa il parere in merito a questa mutazione.

Secondo una parte di scienziati impegnati sul campo, si tratta di un giudizio prematuro e, quindi, bisogna attendere ancora per capire quanto può davvero spaventare questa nuova forma del Coronavirus. La ‘Bbc’ online, però, ha riportato quanto reso noto dal ministero della Salute indiano. Si afferma che degli studi hanno dimostrato maggiore facilità di diffusione da parte della variante Delta plus, conosciuta anche come AY.1.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Torre del Greco, focolaio di variante Delta in una palestra: boom di contagi

Variante Delta plus, tutto quello che c’è da sapere

Variante Delta
Il punto sulla Variante Delta (Photo by Morris MacMatzen/Getty Images)

Il ministero della Salute indiano, inoltre, ha reso noto che tale variante era stata scoperta già lo scorso aprile. Ora, però, è stata rilevata in circa 40 campioni provenienti da 6 distretti di 3 Stati indiani, secondo quanto riferisce Sky Tg24. La Bbc, inoltre, ha fatto sapere che questa mutazione si trova già in Europa.

LEGGI ANCHE >>> Vaccini Napoli, open day dal 25 al 27 giugno senza prenotazione

In diverse parti del mondo, infatti, è già stata riscontrata. L’ultimo dato diffuso dall’Oms parla di 85 Paesi nei quali si sta diffondendo questa variante. Tra i tanti ci sono Usa, Portogallo, Svizzera, Polonia, Russia, Cina, Regno Unito. Secondo gli attuali studi, la Delta Plus potrebbe legarsi più facilmente alle cellule polmonari e resistere alla terapia monoclonale.