Poggioreale, detenuto tenta il suicidio: salvato dal personale del carcere

Un tentativo di suicidio è stato sventato dalla Polizia Penitenziaria a Poggioreale. Quest’ultima denuncia una grave situazione di degrado.

Poggioreale
Tragedia sfiorata nel carcere di Poggioreale (via web)

Nel carcere di Poggioreale capita anche che qualcuno tenti di commettere un gesto folle. E’ quanto accaduto ieri alle 20, quando un detenuto di origine straniera ha tentato di suicidarsi legandosi alle sbarre della cella. L’uomo alloggiava da solo all’interno di uno degli spazi adibiti peri i detenuti.

Leggi anche-> Denise Pipitone, nuova rivelazione: “È viva e ha una figlia”

Gli agenti della Polizia Penitenziaria, udendo il rumore di una sedia, hanno reagito in modo fulmineo. L’intervento dei poliziotti si è rivelato fondamentale, in modo da evitare conseguenze peggiori. L’uomo è ora fuori pericolo, anche se ha riportato un brutto livido al collo, susseguente al tentativo di autoimpiccagione.

Poggioreale, le proteste del sindacato Osapp

Poggioreale
Pochi mesi fa c’era stato un episodio simile (via Screenshot)

Sulla questione è intervenuto l’Osapp, il sindacato della Polizia Penitenziaria. Attraverso le parole del suo segretario, Leo Beneduci, esprime molte critiche: “Quasi ogni giorno il personale salva una vita all’interno dei penitenziari. Non sempre però si riesce a farlo, viste le condizioni di carenza di personale al quale si sommano gli atavici problemi di sovraffollamento“.

Leggi anche-> Ercolano, picchia la moglie e si barrica in casa con un coltello

Il vice segretario Castaldo esprime le medesime perplessità: “Quello di Poggioreale è un problema all’ordine del giorno. Qualche settimana fa un detenuto si è tolto la vita. Per questo bisogna ringraziare i baschi blu quando riescono ad impedire queste disgrazie. Gli istituti necessitano di maggiori attenzioni dal mondo politico, affinché anche gli agenti possano espletare il loro mandato nel migliore dei modi. Bisogna investire maggiormente nel Corpo, in modo che questo, all’ombra della società, possa svolgere in modo più solerte il proprio lavoro“. Il riferimento è quanto avvenuto ai danni di un 25enne detenuto nel carcere: l’uomo aveva approfittato dell’assenza dei compagni di cella per togliersi la vita. Anche in quell’occasione l’Osapp aveva fatto notare vari disservizi, come la mancanza di 200 uomini nel carcere, che potrebbero fornire un servizio e un’assistenza migliori di quella attuale.