Vaccino Pfizer, spunta il contratto: prezzi altissimi e no responsabilità su danni

Spunta il contratto dell’Ue con Pfizer per il vaccino. Il prezzo è altissimo e c’è una clausola che svincola il colosso da responsabilità sui danni.

Pfizer contratto
Tantissime novità riguardo l’acquisto del siero statunitense (via Getty Images)

Novità sul vaccino Pfizer/BionTech non tanto riguardanti l’efficacia, già dimostrata con le varie campagne vaccinali, ma riguarda il contratto. Infatti il siero statunitense ha un prezzo ‘crescente’, ma soprattutto un clausola che la solleva da ogni rischio collegato alla somministrazione del vaccino. Non solo, Pfizer specifica nell’accordo che non dovrà affrontare alcun risarcimento, sia in prima persona che attraverso qualsiasi rappresentante o partner.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coprifuoco, scontro tra Governo e Regioni; c’è la conferma alle 22

A far emergere tutti i dettagli ci ha pensato il quotidiano catalano ‘La Vanguardia‘, che ha appunto avuto accesso ai documenti firmati lo scorso 20 novembre. In quella data, l’Ema ancora doveva approvare nemmeno il siero statunitense, che insieme a Moderna si sta dimostrando il più efficace e con effetti collaterali minori. Andiamo quindi a vedere tutti i dettagli del contratto stipulato tra l’Unione Europea ed il colosso americano.

Pfizer, il contratto la svincola do ogni rischio: il prezzo delle dosi è molto alto

Pfizer
Tutti i dettagli riguardanti all’accordo con l’Unione Europea (Getty Images)

Il contratto scoperto da ‘La Vanguardia’ si riferisce all’acquisto di 200 milioni di dosi da parte dell’Unione Europea, con l’opzione per altre 100 milioni di dosi. Stando al quotidiano catalano, infatti, il costo delle prime 100 milioni di dosi era di 17,50 euro a dose (più tasse). Per quanto riguarda la fornitura delle altre 100 milioni di dosi, il prezzo scendeva a 13,50 euro.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Regina Elisabetta, grande assenza ai suoi 95 anni: Royal Family sbalordita

Ma non solo, il prezzo per le aggiuntive 100 milioni di dosi sale nuovamente a 15,50 euro. In caso di ritardo della richiesta delle dosi aggiuntive, Pfizer prometteva un prezzo di 17,50 euro, con l’Ue che ha subito opzionato il lotto di dosi extra. Un contratto stipulato alla ‘perfezione’ da parte del colosso americano, visto che addirittura lo svincola da ogni danno causato dal vaccino. Forse, proprio così, Pfizer ha anche evitato tutto il clamore mediatico ricevuto da AstraZeneca e Johnson & Johnson per i possibili legami con i casi di trombosi.