4G, una falla mette a rischio la sicurezza degli utenti

Il 4G continua ad essere la modalità di connessione mobile più usata dagli utenti. Quest’ultima però nasconde una pericolosa falla.

4G
Scoperta una falla nella rete 4G (Getty Images)

La tecnologia della rete smartphone viaggia a una velocità impressionante. Le reti 5G cominciano a diffondersi nelle grandi città, mentre per i piccoli centri bisognerà aspettare lo sviluppo di ulteriori infrastrutture. Per questo bisogna affidarsi alla tecnologia precedente, in uso da ormai 8 anni.

Leggi anche-> Iliad, come verificare facilmente la copertura della Fibra

Nel frattempo gli utenti devono fare attenzione ai rischi del 4G, che presenta una falla molto pericolosa. Questa potrebbe infatti mettere a serio rischio la sicurezza degli utenti, soprattutto coloro che si affidano spesso all’utilizzo dei dati mobili.

4G, la falla che fa tremare molti utenti

Il problema insito in questa rete consiste nella possibilità di sostituirsi al provider nel momento in cui si attiva la rete. Simulando una connessione di rete, diventa facile per gli hacker arrivare a scoprire tutte le informazioni riguardanti il traffico, potendo poi arrivare a commettere azioni illegali.

Da lì sarebbe poi facile risalire ad username e password, anche di conti correnti che verrebbero facilmente svuotati. La cosa peggiore è che, essendo un problema strutturale, non può essere risolto. La cosa migliore è di affidarsi ad una rete wireless protetta, oppure passare al 5G dove possibile.

Che cos’è il 5G e quanto è diffuso in Italia

4G
Il 5G punta a superare e sostituire in breve questa tecnologia (Getty Images)

Il 5G rappresenta la nuova tecnologia in tema di connessione mobile. Rappresenta l’evoluzione dell’attuale 4G LTE. Con quest’ultimo è previsto un primo periodo di convivenza, prima che diventi il nuovo standard di riferimento.

Leggi anche-> Vodafone, tre nuove offerte a meno di 5 euro: info e costi

La prima compagnia a diffonderlo in Italia è stata la Vodafone. Al momento è diffuso in grandi città come Bologna, Napoli, Milano, TorinoRoma. Al netto delle polemiche infondate sui danni che potrebbe provocare, risulta essere una tecnologia che potrà rivoluzionare il modo di fare business. Si integra alla perfezione con il concetto di Internet of Things, che promette di aiutare le nuove startup.