Napoli, allarme vaccini: dosi Pfizer scarse, stop fino al 3 marzo

Asl Napoli 1, il direttore generale lancia l’allarme vaccini. Le dosi Pfizer sono insufficienti, stop fino al 3 marzo per gli over 80.

Napoli vaccini
De Luca vaccino (Facebook: Vincenzo De Luca)

La campagna di vaccinazione a Napoli per gli over 80 subisce una brusca frenata, fino ad un vero e proprio stop. Il direttore generale dell’Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva ha spiegato ai microfoni dell’agenzia Ansa il motivo per cui nel capoluogo campano non si può proseguire nella somministrazione dei vaccini. La causa va ricercata nella “mancanza di un numero adeguato di vaccini Pfizer rispetto a quanti hanno aderito alla campagna vaccinale over 80”, ha spiegato. Le dosi disponibili, e parte di quelle che arriveranno, dovranno essere somministrate da oggi e fino al 17 marzo ai vaccinati ai quali è stata già somministrata la prima dose nei 21 giorni precedenti.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Campania, il bollettino Regione di oggi

Napoli, allarme vaccini: stop fino al 3 marzo

Napoli vaccini
Vaccino Pfizer (Getty Images)

Successivamente Verdoliva ha affermato che la campagna di immunizzazione per gli over 30 potrebbe riprendere il 3 marzo e proseguire per i due giorni successivi. 1000 convocazioni al giorno, tenendo conto anche delle prossime forniture già programmate. La Campania nelle prime settimane era stata la Regione più virtuosa nella somministrazione dei vaccini, ma le ridotte quantità di dosi hanno frenato l’ottimo lavoro fatto fino al mese scorso. Solo un numero adeguato di dosi fornite potrebbe permettere di riprendere la campagna a ritmo serrato come in precedenza.

LEGGI ANCHE –> Napoli, il sindaco De Magistris ammette: “Possibile zona rossa”

Il direttore generale dell’Asl Napoli 1 ha poi garantito che nessuno stop riguarderà le vaccinazioni del mondo della scuola. Le dosi di vaccino AstraZeneca sono più che sufficienti, così da programmare a partire da domani la possibilità di vaccinare 2.500 persone al giorno. L’obiettivo – ricorda Verdoliva – è completare quanto prima questa categoria e passare alle successive nel rispetto del piano vaccinale regionale.