Covid, Massimo Ghini racconta: “Mio figlio in ospedale a 25 anni”

Anche l’attore Massimo Ghini ha lottato in terza persona contro il Covid-19. Il figlio è finito in ospedale a soli 25 anni dopo aver contratto il virus.

Covid Massimo Ghini
Le parole dell’attore romano e la sua esperienza col figlio (via WebSource)

Esce allo scoperto l’attore romano Massimo Ghini che racconta la sua terribile esperienza con il Covid-19. Un’esperienza che non lo ha visto protagonista in prima persona ma che con molte probabilità l’ha colpito ancora di più. Infatti negli ultimi mesi l’attore ha avuto il figlio di solamente 25 anni in ospedale a causa di una forte polmonite bilaterale. Uno spavento forte, che serve soprattutto come promemoria per i più giovani.

POTREBBE INTERESSARTI >>> GF Vip, addio diretta h24 dalla casa: pubblico imbufalito. Cosa è successo

Infatti in questo anno abbiamo visto come il virus non attacchi solamente la fascia più anziana, ma può avere considerevoli effetti anche sui giovani adulti. Ghini ai microfoni ha infatti confessato: “Dopo l’odissea di mia figlia che non riusciva a tornare da Londra in Italia ora ho anche mio figlio di 25 anni in ospedale“. Una paura che torna potente nella società specialmente con le varianti. Andiamo quindi a veder l’esperienza che sta vivendo Massimo Ghini in questi giorni.

Covid, Massimo Ghini preoccupato: “L’ha preso in casa di amici”

Covid Massimo Ghini
L’attore romano confessa la sua esperienza col virus (via WebSource)

La confessione dell’attore romano è arrivata durante la sua ultima intervista rilasciata all’AdnKronos. Infatti Massimo Ghini ha voluto mettere in guardia i più giovani affermando che adesso il virus non colpisce solamente gli anziani, invitando la politica ad intervenire sul territorio nazionale. Inoltre l’artista afferma di sapere come il figlio ha contratto il Covid ed è certo che sia venuto in contatto con il virus in casa con amici.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Sanremo 2021, annunciata una nuova co-conduttrice: chi è

Prima di incontrarsi con gli amici, tutto il gruppo si è sottoposto a tampone rapido, ma il risultato non è stato affidabile. Dopo i primi giorni il figlio di Ghini si sentiva ancora bene, ma dopo diversi giorni la situazione è peggiorata, con il medico di base che ha diagnosticato una polmonite bilaterale. Massimo Ghini ha poi tirato un sospiro di sollievo affermando: “Ora sta meglio, è ancora positivo e si trova in un Covid-hotel e sta continuando a farsi la sua quarantena“.