Pozzuoli, festa di 18 anni in hotel: multe per 59 in abiti da sera

Pozzuoli, festa di 18 anni in hotel con dj e palloncini. 59 persone in abiti da sera sono state multate dalla Polizia locale: cosa è successo.

Pozzuoli
(Getty Images)

Pozzuoli, venerdì sera. Da via Giambattista Pergolesi arriva una segnalazione di schiamazzi e musica ad alto volume provenienti da un hotel. Gli agenti del Commissariato si recano sul posto. Gli accessi all’albergo sono chiusi, ma si sentivano distintamente voci arrivare dall’interno. I rumori cessano dopo che i poliziotti bussano più volte. Sopraggiunto anche un equipaggio della Polizia locale di Pozzuoli, gli agenti fanno accesso da una porta di emergenza socchiusa.

All’interno il locale al piano terra era addobbato con palloncini ed era stata predisposta una consolle per la musica. Al piano superiore tavoli da buffet, candele e festoni.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Campania, il bollettino Regione di oggi

Festa di 18 anni in hotel a Pozzuoli: 59 multe

Pozzuoli
(Getty Images)

Il gestore del locale ha risposto agli agenti che nella struttura erano presenti soltanto ospiti regolarmente alloggiati che da poco avevano terminato di cenare. Alla richiesta di fornire i nominativi degli ospiti, il gestore ha ammesso di non averne registrato nessuno. Con il supporto della Guardia di Finanza di Pozzuoli, gli agenti hanno effettuato un’ispezione delle camere. Qui hanno sorpreso un gran numero di persone in abito da sera, molte stipate in un’unica stanza. 59 persone identificate tra invitati e organizzatori: in corso c’era una festa di 18 anni.

LEGGI ANCHE –> Spostamenti tra Regioni: cosa succede dal 15 febbraio

La violazione delle misure anti Covid ha portato così a 59 multe. È andata anche peggio alla titolare ed al gestore dell’hotel: denuncia per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità in quanto privi dell’autorizzazione comunale per l’attività musicale. L’autorizzazione era stata revocata lo scorso agosto per gli eccessivi rumori notturni e per la mancata comunicazione delle persone alloggiate all’Autorità di Pubblica Sicurezza. A riferire questo episodio l’edizione online de Il Mattino.