Crisi governo, Zingaretti sulla fiducia: “Evitato salto nel buio”

Interviene sulla scampata crisi di governo anche il segretario del Pd, Nicola Zingaretti. Per il leader di centrosinistra evitato il salto nel buio.

Crisi governo Zingaretti
Le parole del segretario generale del Partito Democratico (Getty Images)

Nell’ultima settimana l’Italia ha corso il rischio di una vera e propria crisi di Governo in piena pandemia da Covid, un pericolo scampato in extremis grazie al voto del senatore pentastellato Lello Ciampolillo. Con 156 voti a favore, 140 contrari e 13 astenuti (Italia Viva), Giuseppe Conte è riuscito ad ottenere la maggioranza anche in Senato. Così sono diversi gli interventi dopo la votazione risolta solamente con la revisione delle immagini.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Ciampolillo, chi è il senatore che ieri ha votato sì tra mille polemiche

Uno dei primi ad intervenire sulla scampata crisi di governo è Nicola Zingaretti. Il segretario generale del Partito Democratico è sicuro di aver evitato un vero e proprio salto nel buio. Così gli sforzi dell’esecutivo di Conte adesso sono rivolti al piano vaccinale, al Recovery Plan e sulle emergenze nel paese. Tre temi fondamentali per la rinascita del paese, specialmente per uscire dalla crisi improvvisa scaturita dall’emergenza sanitaria Covid-19.

Crisi governo, Zingaretti: “Voglia di dare un segnale di concretezza”

Crisi Governo Zingaretti
Nicola Zingaretti, segretario del Pd e governatore della Regione Lazio (Getty Images)

Adesso per Giuseppe Conte, ma anche per Nicola Zingaretti, si apre la sfida prioritaria del buon governo, ossia costruire una prospettiva politica che confermi l’esito dei voti al Senato. I due si sono sentiti subito dopo la votazione, con Zingaretti che ha espresso la volontà di dare concretezza all’esecutivo per affrontare emergenza e nodi politici. Il segretario del Pd è sicuro del segnale di unità che ha dato il suo partito, una mossa che ha fatto la differenza.

POTREBBE INTERESSANTI >>> Ciampolillo, chi è il senatore che ieri ha votato sì tra mille polemiche

L’obiettivo della buona politica è quello di toccare il gomito delle persone, percependone sofferenza e voglia di riscatto, per forgiare una nuova classe dirigente italiana. L’obiettivo di Zingaretti è quello di arrivare ad un risultato finale rendendo protagonista una comunità, la classe dirigente. Infine il leader del centrosinistra, sul suo essere riservato, ha ricordato alla stampa di essere sempre stato eletto dai cittadini, dalla provincia alla regione.