Coronavirus, il bollettino del 4 gennaio: 10.800 contagiati e 348 morti

La Protezione Civile, come di consueto, ha riferito i dati della diffusione del Coronavirus in Italia: il bollettino del 4 gennaio.

Coronavirus bollettino 4 gennaio
Protezione Civile (via WebSource)

Il periodo di festività sta per terminare e con esso anche l’organizzazione fatta dal Governo per limitare gli spostamenti degli italiani e cercare di tenere sotto controllo la curva epidemiologica. Si torna, quindi, a discutere in Consiglio dei Ministri su riaperture e restrizioni. Uno dei nodi cardine resta quello della scuola. Il premier Conte così come la ministra Azzolina spingono per una ripresa dal 7 gennaio. Alcune regioni, però, hanno già fatto sapere che non si adegueranno a questa linea.

Il Veneto ed il Friuli Venezia-Giulia hanno scelto di posticipare almeno fino al 31 gennaio la riapertura degli istituti superiori. La Regione Campania, invece, ha reso noto che si attenderà un’attenta analisi fatta dal 18 gennaio in poi per decidere sulle sorti del mondo della scuola.

Intanto si prosegue con la campagna di vaccinazione. Nella giornata di ieri, in Italia, si è superata la soglia delle prime 100mila dosi somministrate. Gli esperti, però, invitano alla calma perché i dati continuano a rappresentare un’insidia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid Germania, nuova proroga lockdown: durerà fino al 31 gennaio

Coronavirus, il bollettino del 4 gennaio nel dettaglio

Coronavirus bollettino 4 gennaio
Il bollettino del 4 gennaio sulla diffusione del Coronavirus in Italia (Protezione Civile)

 

Coronavirus, bollettino di oggi:

• 10.800 contagiati
• 348 morti
• 16206 guariti

LEGGI ANCHE >>> Covid-19 negli Usa, oltre 200mila contagiati e 1349 morti nelle ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore, le strutture ospedaliere in Italia hanno analizzato 77.993 tamponi. Il tasso di positività, quindi, resta stabile sul 13,8% (+0,0%). Leggerissimo il calo nelle terapie intensive: -4 per il dato sui posti occupati. I ricoveri, invece, sono in aumento: +242.