Ibrahimovic a Sanremo, la Serie A gioca in anticipo per il Festival?

Ibrahimovic a Sanremo, come farà con gli impegni in campo? Nessuno vuole perdere gli spettatori: ecco l’ipotesi

Ibrahimovic Sanremo
Getty Images

Zlatan Ibrahmovic sarà ospite fisso per tutte e cinque le serate del prossimo Festival di Sanremo, dal 2 al 6 marzo. Il campione svedese è stato scelto probabilmente per cercare di attrarre i giovani. Ibra, infatti, è molto seguito anche dai giovanissimi, avvezzi all’utilizzo dei social dov’è molto presente l’attaccante del Milan.

Proprio quella settimana ci sarà il turno infrasettimanale in Serie A, la 25esima giornata. Potrebbe dunque esserci un accavallamento non solo per Ibra ma per tutti gli amanti del calcio che voglio seguire anche lo spettacolo musicale. Anche per il turno infrasettimanale ci sarà lo spezzatino con la giornata di campionato che si svolgerà tra martedì e giovedì. La Lega calcio sta quindi pensando di anticipare l’orario delle gare.

Il 3 sera è in programma Milan-Udinese. Gli orari non sono stati ancora definiti ma oltre agli anticipi pomeridiani (o del tardo pomeriggio), la maggior parte dei match si giocano in serale, praticamente in contemporanea con lo spettacolo sanremese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Napoli, colpo a centrocampo: offerta ufficiale al club di A

Ibrahimovic, Sanremo e Serie A: anticipo delle gare?

Anticipare tutte le gare del 2, 3 e 4 marzo alle ore 19.00 è un’ipotesi reale. La modifica non avverrebbe per consentire ad Ibra di spostarsi più facilmente dopo la gara contro l’Udinese. L‘idea nasce per non pestarsi i piedi e consentire a tutti di seguire in tv sia lo spettacolo in campo sia quello sul palco dell’Ariston.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dino Zoff commenta il Papa ‘portiere’: “Lotta da solo contro gli altri”

Difficile pensare che a marzo i tifosi possano tornare allo stadio. Il presidente della Lega Dal Pino però, in un’intervista al Radio 1, ha ricordato che è stato presentato al governo un piano che consentirebbe l’ingresso a cittadini vaccinati per una massimo del 20% della capienza degli impianti. Dal Pino si è lamentato che il governo ancora non ha dato alcuna risposta in merito.