Napoli, protesta dei lavoratori Giraservice a piazza Matteotti

Napoli, la protesta dei 140 dipendenti della Giraservice prosegue davanti alla sede del Consorzio UnicoCampania

Napoli protesta
Foto Facebook Adolfo Vallini

Continuano le agitazioni per i lavoratori della Giraservice, azienda che si occupa della gestione degli infopoint delle stazioni e della distribuzione dei biglietti per il consorzio UnicoCampania. Proprio davanti alla sede della società in piazza Matteotti i dipendenti questa mattina stanno manifestando per avere rassicurazioni sul futuro.

Sono mesi che l’azienda vive un periodo di crisi, anzi, da anni: le cose sono andate male già nel 2012 quando i lavoratori hanno subito i tagli imposti dalle politiche di austerity. In una nota dell’azienda si legge che sono 140 i dipendenti che per UnicoCampania si occupano di aspetti importantissimi per il trasporto come la distribuzione dei ticket presso i rivenditori autorizzati e che “da aprile sono stati posti in cassa integrazione a zero ore“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, Rezza: “Indice Rt non scende più. Evitare ondata durante vaccini”

Napoli, protesta Giraservice: “Vogliamo tornare a lavorare”

Già in estate i biglietti ordinari e gli abbonamenti erano diventati improvvisamente introvabili a causa di problemi legati proprio alla distribuzione. Nella nota odierna Marco Sansone del coordinamento regionale USB – ha dichiarato che i 140 lavoratori  “inspiegabilmente continuano a restare a casa” favorendo l’evasione dei titolo di viaggio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Blitz antidroga, a Ercolano arrestate due persone. Sequestri a Ischia

La richiesta è di tornare a lavorare e si chiede a UnicoCampania di “garantire la continuità lavorativa dei 140 dipendenti della Giraservice”. Lo stesso Sansone fa sapere che sono in corso dei colloqui tra la società e una delegazione di lavoratori e che se le dovute rassicurazioni non dovessero esserci continuerà la mobilitazione.